Mafia e rifiuti, confiscati oltre 12 milioni di euro ad un imprenditore

L'enorme patrimonio apparterrebbe ad un soggetto vicino al clan Cappello-Bonaccorsi. Si tratterebbe di diverse aziende che operano nel settore della gestione dei rifiuti

La Polizia di Catania ha sequestrato beni per un valore di oltre 12 milioni di euro a Giuseppe Guglielmino, 43 anni, imprenditore attualmente detenuto, vicino alla famiglia mafiosa Cappello-Bonaccorsi. Il provvedimento ha riguardato diverse aziende che operano nella gestione dei rifiuti. I particolari saranno resi noti dalla questura etnea nel corso della mattinata di oggi.

In aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento