Mafia e rifiuti, confiscati oltre 12 milioni di euro ad un imprenditore

L'enorme patrimonio apparterrebbe ad un soggetto vicino al clan Cappello-Bonaccorsi. Si tratterebbe di diverse aziende che operano nel settore della gestione dei rifiuti

La Polizia di Catania ha sequestrato beni per un valore di oltre 12 milioni di euro a Giuseppe Guglielmino, 43 anni, imprenditore attualmente detenuto, vicino alla famiglia mafiosa Cappello-Bonaccorsi. Il provvedimento ha riguardato diverse aziende che operano nella gestione dei rifiuti. I particolari saranno resi noti dalla questura etnea nel corso della mattinata di oggi.

In aggiornamento

Potrebbe interessarti

  • Anedonia: definizione, sintomi e cura

  • Smettere di fumare fai-da-te: alcuni consigli

  • Abbronzatura: consigli per esaltarla

  • Casa: come eliminare la sabbia

I più letti della settimana

  • Incidente stradale sull'asse dei servizi, ferite due persone in moto

  • Catania 2.0: "Quanto ha speso il Comune per la visita del ministro?"

  • Crolla una parete interna del cratere di Nord-Est dell’Etna

  • Catania Summer Fest: tutti gli appuntamenti dal 17 al 31 agosto

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • San Gregorio, polstrada denuncia 12 "furbetti del casello"

Torna su
CataniaToday è in caricamento