Mafia e rifiuti, confiscati oltre 12 milioni di euro ad un imprenditore

L'enorme patrimonio apparterrebbe ad un soggetto vicino al clan Cappello-Bonaccorsi. Si tratterebbe di diverse aziende che operano nel settore della gestione dei rifiuti

La Polizia di Catania ha sequestrato beni per un valore di oltre 12 milioni di euro a Giuseppe Guglielmino, 43 anni, imprenditore attualmente detenuto, vicino alla famiglia mafiosa Cappello-Bonaccorsi. Il provvedimento ha riguardato diverse aziende che operano nella gestione dei rifiuti. I particolari saranno resi noti dalla questura etnea nel corso della mattinata di oggi.

In aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Lido "Le Capannine", armi e stupefacenti nei bungalow: arrestato Salvatore Raciti

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

  • Mafia dei Nebrodi e i rapporti con i Santapaola: arresti anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento