Manager sanità, stop alla nomina di Paolo Cantaro ed Angelo Pellicanò

Dopo lo stop alla nomina di Manager per il professor Francesco Basile, Mario Zappia, Calogero Muscanera, arriva una ennesima fumata nera nella Sanità catanese: nulla da fare anche per Paolo Cantaro ed Angelo Pellicanò

Dopo lo stop alla nomina di Manager per il professor Francesco Basile, Mario Zappia, Calogero Muscanera, arriva una ennesima fumata nera nella Sanità catanese: nulla da fare anche per Paolo Cantaro ed Angelo Pellicanò. La colpa, questa volta, è del nuovo decreto Renzi sulla pubblica amministrazione, che impedisce l'insediamento di dirigenti in età pensionabile.

Sulla vicenda è intervenuto il rettore dell’Università di Catania Giacomo Pignataro. "L'Ateneo – spiega - è stato informato, da una nota dell'Assessorato della Salute della Regione Siciliana, che l'insediamento del dott. Cantaro, previsto per ieri, è stato sospeso per una questione relativa all'applicabilità di una norma del recente decreto Renzi sulla pubblica amministrazione, questione che, secondo quanto rappresentato da fonti autorevoli sentite da questo Ateneo, si ritiene che non sussista".

La mancata nomina di Cantaro e Pellicanò potrebbe avere serie ripercussioni e Pignataro non nasconde le sue preoccupazioni per quanto riguarda la gestione del Policlinico Vittorio Emanuele. "Auspico – continua il rettore – che la situazione si sblocchi il prima possibile. I gravissimi problemi organizzativi e gestionali di cui l’Aou soffre ormai da troppo tempo sono stati aggravati, infatti, da una situazione di precarietà del governo dell’Azienda, a causa del tempo occorso per la nomina del suo direttore generale. Il rischio di un’implosione della situazione è più che mai concreto, anche in considerazione del fatto che, per ragioni sia di natura personale, sia legate a recenti provvedimenti legislativi, non saranno in forza all’Azienda diversi responsabili di settore. Il prolungarsi di questa perdurante incertezza in ordine alla direzione aziendale non può che aggravare le conseguenze negative in termini di efficacia dei servizi erogati e delle attività istituzionali dell’Università e causare concreti danni di natura patrimoniale, con particolare riferimento anche allo stato dei programmi di edilizia in essere alla struttura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento