"Hai chiamato i carabinieri ora ti ammazzo", arrestato marito violento

I militari erano stati allertati da una telefonata che segnalava l’ennesima lite nell’abitazione che l’uomo condivideva con la moglie di 33 anni ed i figli minori, un maschietto di 2 ed una femminuccia di 11

I carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Palagonia, a Ramacca, hanno tratto in arresto un romeno di 33 anni, perché resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia, nonché minacce e resistenza a pubblico ufficiale. I militari, infatti, erano stati allertati da una telefonata giunta alla centrale operativa che segnalava l’ennesima lite nell’abitazione che l’uomo condivideva con la moglie di 33 anni ed i figli minori, un maschietto di 2 ed una femminuccia di 11. I carabinieri ben conoscevano l’uomo che, già nell’ottobre dello scorso anno, era stato oggetto di un provvedimento del Tribunale dei Minori di Catania che gli imponeva di allontanarsi dall’abitazione e di non avvicinarvisi poiché disinteressato al proprio nucleo familiare, nonché aduso all’uso di sostanze alcoliche e stupefacenti ed affetto da ludopatia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Provvidenziale è stato l’intervento della pattuglia che, appena giunta, trovava la povera donna vagare in strada in stato confusionale e, quindi, dopo avere da lei appreso che l’uomo l’aveva già presa a schiaffi e sbattuta su un armadio tirandola per i capelli, sono saliti al secondo piano nell’appartamento in questione, dove si trovavano anche i due figli terrorizzati. L’uomo, che appariva in preda ai fumi dell’alcol, alla vista dei militari inveiva contro la donna "Hai chiamato i carabinieri ora ti ammazzo, ti butto dal balcone e ti metto in mezzo alla strada a prostituirti", cercando di colpirla nuovamente, ma veniva bloccato ed ammanettato dagli operanti che si interponevano a sua difesa nonostante la violenta resistenza opposta dall’esagitato che, dopo aver sproloquiato nei loro confronti, con epiteti oltraggiosi, successivamente recitava testualmente: "Mi potete pure arrestare, non me ne frega niente. Tanto poi torno qua a casa". L’uomo è stato associato al carcere di Caltagirone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Librino, in due sullo scooter con un neonato di 26 giorni nel mezzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento