Micron a rischio licenziamenti, Nicastro: "L'azienda è in ottimo stato di salute"

Il segretario dei metalmeccanici Cisl catanesi: "Sollecitiamo le istituzioni regionali, il presidente Crocetta e l'assessore alle attività produttive Vancheri, a essere presenti all'incontro al ministero dello Sviluppo economico fissato il 9 ottobre per sollecitare le istituzioni nazionali"

La segreteria Fim Cisl di Catania e il direttivo provinciale sostengono e partecipano alla mobilitazione nazionale per i lavoratori di Micron indetta per questa mattina.

"Riteniamo inammissibile - spiega Piero Nicastro, segretario generale della Fim Cisl etnea - che un'azienda in ottimo stato di salute come Micron possa considerare la possibilità di licenziamenti a Catania, nonostante le competenze e le professionalità dei lavoratori catanesi abbiano contribuito a raggiungere una posizione di rilevanza mondiale nel settore delle memorie".

Nicastro sottolinea che "l'acquisizione di Elpida ha reso la stessa Micron diretta concorrente di Samsung nel mercato mondiale delle memorie, passando dalla quinta alla seconda posizione nel ranking mondiale. Ed è per questo che è inaccettabile per il territorio provinciale, quasi alla desertificazione industriale, che il sito catanese di Micron possa essere interessato all'annuncio della multinazionale per tagliare il 5 per cento del personale nel mondo".

"Per tale motivo - continua il segretario dei metalmeccanici Cisl catanesi - sollecitiamo le istituzioni regionali, il presidente Crocetta e l'assessore alle attività produttive Vancheri, a essere presenti all'incontro al ministero dello Sviluppo economico fissato il 9 ottobre per sollecitare le istituzioni nazionali affinché non si realizzi l'ennesimo scempio di un patrimonio come quello dei lavoratori di Micron dalle professionalità di alto profilo. Cogliamo favorevolmente le dichiarazioni del sindaco Enzo Bianco che si rende disponibile con la sua presenza al tavolo ministeriale a perorare la causa dei lavoratori di Micron. Le poche realtà industriali rimaste in piedi vanno difese e sostenute da tutti gli attori in campo, sia dalle parti sociali che dalle istituzioni locali, regionali e nazionali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento