Misterbianco senza Guardia medica, l'appello di Marco Corsaro

Mancano anche consultorio familiare e ambulatori specialistici e l'utenza è stata dirottata forzatamente fra altri uffici Asp a San Giorgio e Catania centro

Chiede risposte concrete in tempi certi il candidato a sindaco di Misterbianco Marco Corsaro che, in una nota indirizzata all'Azienda sanitaria provinciale di Catania ed al Comune, ha denunciato "l'insostenibile incertezza" riguardo il futuro delle strutture sanitarie del territorio comunale. Da mesi infatti Misterbianco risulta privo di Guardia medica, consultorio familiare e ambulatori specialistici, con l'utenza dirottata forzatamente fra altri uffici Asp a San Giorgio e Catania centro.

"Nonostante le continue sollecitazioni, questa lunga lista di servizi fondamentali non è ancora rientrato a Misterbianco - scrive Corsaro, affiancato dal consigliere comunale Rossella Zanghi - Un'assenza non più tollerabile così come il troppo tempo che sta trascorrendo senza che qualcuno intervenga". Incertezza aggravata, secondo Corsaro, dal silenzio dell'amministrazione del sindaco Nino Di Guardo: "L'interlocuzione con l'Asp è a un punto morto, questo mentre nessuno riesce a farsi sentire, a rappresentare gli interessi della nostra città".

Per il candidato sindaco e leader del movimento 'Guardiamo Avanti', allora: "Occorre prima di tutto che le amministrazioni sanitaria e comunale diano spiegazioni ai cittadini, secondo quanto di competenza, e che ci si mobiliti per riattivare subito Guardia medica e consultorio". Necessario poi "Un intervento di ripristino dei locali di via Galilei per riportarvi in breve tempo il poliambulatorio". "Incredibile - conclude Corsaro - che un Comune così popoloso ed importante come Misterbianco si trovi a dover scontare carenze così inspiegabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento