Nascondevano scarpe ed etichette contraffatte in un immobile: tre denunciati

Nel corso della perquisizione domiciliare dell’immobile oltre alle calzature già pronte sono state rinvenute oltre 3.500 etichette riconducibili a note griffe di moda

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania hanno sequestrato oltre cento calzature di cui una parte già contraffatta e altre in attesa di essere marcate con l’apposizione di etichette false.

L’intervento eseguito dai finanzieri del Gruppo di Catania si inserisce nell’ambito della costante attività di monitoraggio nel mercato rionale di Piazza Carlo Alberto e nelle zone ad esso limitrofe. I militari hanno individuato, in zona Stazione, un’abitazione utilizzata da tre soggetti di origine africana quale luogo di detenzione e lavorazione della merce illecita.

Nel corso della perquisizione domiciliare dell’immobile oltre alle calzature già pronte sono state rinvenute oltre 3.500 etichette riconducibili a note griffe di moda (quali Nike, Adidas, Saucony, Colmar, Liu-Jo) da applicare su capi di abbigliamento e calzature. Le Fiamme Gialle hanno infatti rinvenuto e sequestrato anche diversi utensili, tra cui un saldatore termico, utili alla trasformazione del prodotto senza logo in un prodotto di abbigliamento contraffatto.

Al termine delle operazioni, i 3 cittadini, originari del Marocco, della Guinea e del Senegal, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Catania per il reato di contraffazione. Inoltre, per uno di essi gli accertamenti compiuti hanno fatto emergere l’irregolare soggiorno sul territorio nazionale; pertanto è stato emesso dalle Autorità di Pubblica Sicurezza un provvedimento di espulsione dal territorio dello Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento