Caso Open Arms, Salvini atteso al tribunale di Catania il 3 ottobre

Il leader della Lega rischia fino ad 11 anni di carcere dopo l'autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Open Arms

"Non chiedevo una medaglia, ma ora rischio fino a 11 anni di carcere e mi sembra una follia. Bloccare una nave spagnola che pretende di arrivare in Italia e passare per sequestratore no, ci sono tanti giudici liberi non sono tutti come Palamara. Mi girano le palle ma sono tranquillo: non ho mai ucciso o sequestrato nessuno, ho fatto quello che avevo promesso di fare agli italiani". Così il leader della Lega, Matteo Salvini interviene telefonicamente alla trasmissione tv 'Aria pulita' all'indomani del voto del Senato che dice sì alla richiesta di autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Open Arms. Respinge chi sulla stampa tratteggia un uomo dall'umore nero. "Per me sarà un bel venerdì perché la famiglia viene prima di tutto", dice il segretario del Carroccio che è in compagnia del figlio, ma "sarà un venerdì brutto per il rispetto della legge, è un processo politico". Il 3 ottobre "sarò in tribunale a Catania, la vivrò con curiosità non sono mai andato in tribunale come imputato e vivrò anche questa esperienza a cuor leggero", conclude Salvini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento