menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione antimafia: nel mirino i traffici della famiglia Riela

L'indagine, condotta dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania e coordinata dalla locale Procura Distrettuale Antimafia, ha coinvolto altre 26 persone e dieci aziende

Questa mattina è stata eseguita un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Riela Filippo, per il delitto di concorso esterno in associazione mafiosa, mentre una seconda ordinanza di custodia cautelare in carcere, per il delitto di associazione mafiosa,  è stata notificata a Riela Francesco, attualmente detenuto con la pena dell’ergastolo per il delitto di omicidio e per associazione a delinquere di stampo mafiosa. Sono stati, inoltre, sequestrati beni per oltre 30 milioni di euro in aziende e auto di lusso, nella disponibilità della famiglia Riela.

L’indagine, condotta dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania e coordinata dalla locale Procura Distrettuale Antimafia, ha coinvolto altre 26 persone, nei confronti delle quali è in corso la notifica di avvisi della conclusione delle indagini preliminari, e ha messo in luce come la famiglia Riela  guidata dal fratello maggiore Francesco, che dal carcere ove è recluso ha continuato ad impartire disposizioni indicando la strategia di mercato tenendo importanti contatti con i vertici mafiosi siciliani, è riuscita, con l’ausilio di  numerosi prestanome, a mantenere il predominio nel settore del trasporto di merci deperibili su strada.

Ai 28 indagati, tra cui alcuni stretti familiari degli arrestati e uomini di fiducia della famiglia Riela, sono contestate numerose ipotesi di intestazione fittizia di beni oltre la truffa ai danni dello Stato per aver indotto in errore l’Agenzia del Demanio riuscendo a rientrare nuovamente in possesso, mediante la costituzione del Consorzio SE.TRA, gestito da prestanome della famiglia, della  “Riela Group”, complesso aziendale confiscato in via definitiva per mafia alla fine degli anni ‘90.

Gli esiti della complessa attività di indagine, prevalentemente tecnica, sono stati riscontrati dalle dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia (da ultimo quelle di Santo La Causa) che hanno consentito, tra l’altro, di accertare come i Riela tenessero fittissimi rapporti relazionali con numerose famiglie mafiose siciliane (tra cui, oltre Cosa Nostra Catanese, i Lo Piccolo di Palermo ed i Nardo di Lentini che, di volta in volta, venivano contattati per ottenere protezione per le aziende di famiglia, per ottenere nuove fette di mercato (o mantenere quelle già acquisite) o per dirimere contrasti sorti con altre imprese. Tali rapporti venivano mantenuti con regali di lusso, assunzioni di amici e familiari dei mafiosi presso le aziende familiari nonché attraverso la dazione di somme di denaro di notevole importo.

Con l’operazione di oggi, oltre all’esecuzione delle misure cautelari personali, sono state sottoposte a sequestro preventivo le seguenti aziende: “Autotrasporti New Style Log srl”; “Autotrasporti BORZI’ Giovanni”; “Autotrasporti LOMBARDO Salvatore”;Autotrasporti VINCI Gianluca”; “CARGO SERVICE Soc. Coop”; “CRS di CANNONE Francesca & C Sas” (Distributore di carburanti sito a Catania-Monte Po’); “Linea Trasporti Srl”;DI & CO.LOG Società Cooperativa”; “DORUTRASP Soc.Coop”; “TIR.CAR uni personale srl”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Consiglio comunale, seduta straordinaria sull'emergenza Covid

  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento