Operazione “Iblis”: confiscati beni a Rosario Di Dio, esponente di Cosa Nostra a Ramacca

Il valore dei beni oggetto di confisca, che comprendono 49 beni immobili, 11 disponibilità finanziarie, 10 mezzi, 4 aziende e 1 quota di partecipazione societaria, è pari a circa 12,5 milioni di euro

I carabinieri del Ros e quelli del comando provinciale di Catania hanno dato esecuzione ad un provvedimento di confisca dei beni emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione (ai sensi del D.LGS. 159/11) nei confronti di Rosario Di Dio , tratto in arresto dal Ros nell’ambito dell’indagine Iblis il 3 novembre 2010 e condannato in primo grado il 9 maggio 2014 alla pena di anni 20 di reclusione poiché ritenuto responsabile di partecipazione ad associazione mafiosa ed altro, quale organizzatore della famiglia di Cosa Nostra di Ramacca.

Il Ros, infatti, dalla fine del 2006 ha monitorato Rosario Di Dio al fine di approfondire un segmento investigativo emerso nel corso dell’indagine Dionisio, riguardante l’interesse manifestato da questo ultimo per assumere la leadership di Cosa Nostra nell’area controllata dalla famiglia di Ramacca. Di Dio, infatti, nell’estate del 2003, appena scarcerato, chiedeva di conferire con Francesco La Rocca al fine di essere autorizzato a camminare, per conto dell’organizzazione criminale, nel territorio di Palagonia. tale richiesta, così come evidenziato grazie alla citata indagine, veniva avanzata da Dio Dio anche ad Alfio Mirabile, allora reggente della famiglia di Catania.

Dopo circa due anni, a conferma del fatto che i progetti di Di Dio avevano dato gli esiti sperati, si aveva contezza del ruolo da questi assunto nell’hinterland calatino: in una conversazione intercettata il 3 Giugno 2005, infatti, Franco Ilardi inteso “chiuviddu”, imprenditore ramacchese intraneo a cosa nostra, aggiornava Alfio Mirabile di quanto stava accadendo in quel territorio e, in particolare, si soffermava sull’atteggiamento espansionistico di Rosario Di Dio e Tommaso Somma (cognato del noto Pietro Rampulla) i quali, tornati in libertà, manifestavano le stesse ambizioni circa il ruolo mafioso da assumere nel territorio di competenza.

Gli argomenti trattati dai due interlocutori avevano un unico filo comune: l’ambiguo atteggiamento di Francesco La Rocca che, secondo Somma, aveva dato l’autorizzazione richiesta a Rosario Di Dio. Somma, infatti, secondo quanto riferito da Ilardi, criticava La Rocca proprio in relazione all’autorizzazione che questi aveva dato e manifestava l’intenzione di chiarire, una volta per tutte, la questione leadership con Di Dio.

Su queste basi è nata l’indagine Iblis che, sin dai primi passi, ha consentito di esaminare le diverse vicende documentate dalle posizioni, sempre più distanti nel tempo, assunte da Di Dio e Aiello, permettendo al Ros di meglio monitorare le dinamiche di cosa nostra catanese.

Da queste indagini, infatti, è emerso che Di Dio è elemento di vertice della famiglia di Cosa Nostra di Ramacca e, in tale veste, manteneva qualificati e riservati contatti con esponenti apicali delle altre famiglie mafiose del catanese, funzionali alla definizione delle attività illecite da commettere e delle strategie da adottare per la gestione e la riorganizzazione di Cosa Nostra in ambito provinciale.

Nelle prime fasi dell’indagine Iblis è stato documentato che Di Dio, in stretta connessione con l’allora rappresentante provinciale Aiello Vincenzo ed altro affiliato mafioso di rango, si adoperava per la messa a posto dei lavori effettuati a Palagonia dall’imprenditore gelese Brunetti Angelo che era impegnato in quel centro nella relativa metanizzazione e nella realizzazione della c.d. via di fuga (arteria stradale che funge da circonvallazione); anche per queste due attività estorsive Di Dio è stato riconosciuto colpevole in concorso Aiello e Costanzo Franco (esponente di spicco della articolazione di cosa nostra operativa a Palagonia.


Il valore dei beni oggetto di confisca, che comprendono 49 beni immobili, 11 disponibilità finanziarie, 10 mezzi, 4 aziende e 1 quota di partecipazione societaria, è pari a circa 12,5 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento