Cronaca

Organizza furto in casa della zia, ma complici lo minacciano: tutti arrestati

Organizza un furto in casa della zia insieme a quattro banditi, da dopo il colpo sarebbe a sua volta rimasto vittima di un'estorsione da parte dei complici che, facendogli credere di non aver trovato niente da rubare, avrebbero minacciato lui e i suoi familiari di gravi ritorsioni se non avesse dato loro 2.000 euro come risarcimento

Organizza un furto in casa della zia insieme a quattro banditi, da dopo il colpo sarebbe a sua volta rimasto vittima di un'estorsione da parte dei complici che, facendogli credere di non aver trovato niente da rubare, avrebbero minacciato lui e i suoi familiari di gravi ritorsioni se non avesse dato loro 2.000 euro come risarcimento.

Protagonista un 41 enne, F. F., che e' riuscito, dopo aver contattato la polizia di Ragusa, a far arrestare i suoi complici-estorsori dagli agenti, che hanno ammanettato anche lui. Con il 41enne sono finiti in manette Alessandro Scata', di 22 anni, S. L., di 46, e due 17enni, tra cui un tunisino. Il 41enne aveva guidato i complici durante il furto in casa della zia, al secondo piano di uno stabile e la refurtiva era stata poi rivenduta ad un compro oro di Catania. Il nipote aveva accompagnato la zia dalla polizia per sporgere denuncia.

I complici pero' avevano cominciato a minacciarlo anche con telefonate ed Sms, millantando di non avere trovato oggetti preziosi da rubare. A questo punto il 41enne ha contattato la polizia. Agenti della squadra mobile della Questura di Ragusa sono intervenuti in occasione della consegna della 'tangente' da parte della vittima a Scata', che e' stato arrestato per estorsione. Successivamente sono stati bloccati gli altri componenti della banda, che devono rispondere di furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Organizza furto in casa della zia, ma complici lo minacciano: tutti arrestati

CataniaToday è in caricamento