Ospedale di Caltagirone, lavori in corso in alcuni reparti ma in altri rimangono i problemi

Stanziati 1,5 milioni di euro per ristrutturare l'Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi che si trova al quinto piano, ma il terzo piano è terra di nessuno. Dall'Asp di Catania: "Già programmato intervento"

Umidità, muffa, sedie rotte, quadri elettrici aperti e idranti fuori uso. Sono alcuni dei problemi che si possono riscontrare entrando all'ospedale “Gravina” di Caltagirone. In particolare al terzo piano del nosocomio calatino.

Salendo le scale tra il terzo e il quarto piano gli idranti sono fuori uso con tanto di cartello. Proseguendo poi ci si imbatte nell'ingresso del reparto di Medina del Lavoro e Legale con il quadro elettrico aperto a disposizione di tutti. Poi umidità e addirittura muschi si insidiano negli angoli pieni di infiltrazioni d'acqua che si trovano nel corridoio centrale del terzo piano.

Come precisano dall'ospedale, sono stati stanziati oltre 1,5 milioni di euro per la ristrutturazione di alcuni reparti, nell’ambito del più vasto progetto di ristrutturazione, adeguamento e messa a norma riguardante l’intero Presidio. I lavori riguardano però gli ambienti allocati al quinto piano, corpo centrale, dell’Ospedale.

"Attraverso questi lavori - ha dichiarato Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania -, oltre che ad implementare il progetto di ristrutturazione dell’Ospedale calatino, intendiamo vanno incontro, in maniera chiara e decisa, alle istanze dei pazienti e dei loro familiari. Il reparto che realizzeremo verrà incontro alle esigenze di accoglienza e fruibilità dei servizi, e rispetterà gli standard qualitativi previsti, garantendo alti livelli di sicurezza, di efficienza e di efficacia".

I lavori consegnati si aggiungono a quelli in corso per la sistemazione delle terrazze di copertura dell’ala ovest e parte del corpo centrale del “Gravina”, messa in sicurezza dei locali Farmacia e centrale termica, rimodulazione-parziale dell’area di Pronto soccorso. 

Questi interventi però non coprono l'area documentata dalle foto. Dall'Asp di Catania, contattata telefonicamente in merito, fanno sapere che si tratta degli ex locali della direzione medica. "Abbiamo segnalato le criticità all'ufficio tecnico che ha già programmato intervento. Verranno spostati gli ambulatori temporaneamente per rispondere ad esigenze concrete di miglioramento dei servizi, puntando non solo a risolvere oggettive criticità, ma soprattutto a ottimizzare al massimo l’efficienza delle Unità Operative interessate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento