Gentiloni in visita a Catania: "Questa città può essere uno dei motori del Sud"

Tre le tappe compiute dal premier questa mattina in città. Prima la riunione alla zona Industriale per la cabina di regia del Patto per Catania, poi la visita a Librino ed infine la firma dei contratti di lavoro al municipio

Tre le tappe del premier Gentiloni a Catania, in visita oggi in Sicilia. Il presidente del consiglio si è recato prima alla zona industriale, nella sede dell'azienda StMicroelectronics per partecipare ad una riunione con la cabina di regia del "Patto per Catania". Nel corso dell'incontro, al quale hanno partecipato anche i sindacati etnei, il mondo dell'impresa e delle professioni.

L'incontro con le imprese del territorio alla zona Industriale

"E' stata bello partecipare stamattina alla cabina di regia del Cantiere Catania perchè attorno a quel tavolo, con il Sindaco, il prefetto, abbiamo visto presenti le forze del lavoro, dell'impresa delle libere professioni, ospiti di Stm, una grandissima eccellenza tecnologica e industriale di cui siamo orgogliosi: e abbiamo visto da vicino quanto sia importante per il nostro Paese la capacità del nostro tessuto sociale e istituzionale di lavorare insieme e di fare squadra". Con queste parole il premier Gentiloni ha commentato l'incontro di stamattina alla zona Industriale, in compagnia del sindaco Enzo Bianco per la sigla dei contratti.

La lunga mattinata di Gentiloni a Catania - VIDEO

La visita a Librino

 Dopo la riunione il presidente del consiglio Paolo Gentiloni si è recato nel quartiere di Librino per visitare gli Orti Urbani. "C'è inoltre un deciso impegno ambientale che deve essere assolutamente centrale. La bellissima esperienza degli orti urbani che è contemporaneamente ambientale e sociale e ha una valenza simbolica spettacolare. La visione ambientale che guarda al futuro credo sia fondamentale", osserva Gentiloni che è stato accolto dagli alunni delle scuole Dusmet, Campanella-Sturzo e Brancati, nella visita ai tredici orti urbani che saranno assegnati alle famiglie del quartiere periferico.

L'appuntamento in Comune

Intorno a mezzogiorno il presidente del consiglio si è recato a Palazzo degli Elefanti per firmare, con i responsabili delle ditte, i contratti per l'avvio di nuovi cantieri finanziati proprio dal Patto per Catania. 

"Oggi è un giorno davvero significativo e importante per Catania, ma anche per la Sicilia e il Mezzogiorno. Catania può essere uno dei luoghi esemplari del Sud: qui lavoriamo con spirito di squadra". Ha detto il  sindaco di Catania Enzo Bianco, ospitando il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni alla firma degli atti di consegna di sei nuovi cantieri rientranti nel Bando Periferie, nel Palazzo degli Elefanti, sede del comune di Catania. "Il cantiere Catania - sottolinea Bianco - ha un ammontare complessivo di investimenti pubblici e privati da 2,5 miliardi di euro, che riguardano tutti gli aspetti della città, dalle infrastrutture, alla mobilità, alla vita sociale. Secondo le stime il complessivo di nuovi posti di lavoro tra diretto e indotto è all'incirca di 15mila nuovi posti di lavoro. Una parte significativa di queste opere avrà bisogno di tempo per svilupparsi, come la metropolitana che sta già cambiando il volto e le abitudini della città. Andiamo avanti con investimenti di straordinaria importanza anche dei privati: StMicroelectronics è tornata ad assumere. Per una realtà come questa che ha pagato un prezzo altissimo per la crisi è di particolare importanza", conclude.

Le polemiche sul Museo Egizio

"Bisogna lavorare con le eccellenze, perciò aprire una sede distaccata del Museo Egizio, eccellenza di Torino, a Catania, è un bellissimo messaggio per la Sicilia e il Mediterraneo, un messaggio di dialogo culturale e pace, nella nostra Regione". Ha affermato il il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni nel corso dell'incontro a Palazzo degli Elefanti che ha chiuso la sua mattinata di visita a Catania

La questione sicurezza e la caserma alla zona Industriale

"Sappiamo tutti quanto abbiamo oggi di rassicurare i concittadini grazie alla presenza di vicinato delle forze dell'ordine". Ha dichiarato il premier Gentiloni nel corso dell'incontro in Comune, durante il quale è stato formalizzato il contratto fra il Comune di Catania e la ditta aggiudicatrice dell'appalto Damiga srl per l'avvio dei lavori del cantiere per la 'Caserma dei Carabinieri - Centro servizi integrato per le imprese (area logistica) nell'area industriale di Catania. A firmare il progetto esecutivo è stato l'Irsap, Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive.

Gli interventi previsti per la realizzazione della caserma

"Catania uno dei motori del Sud"

"Il cantiere Catania ha le possibilità di essere uno dei motori del Mezzogiorno". ha aggiunto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, intervenendo alla firma degli atti di consegna di sei nuovi cantieri a Palazzo degli Elefanti, "Ricucire le città, patrimonio fondamentale del Paese, è una missione tra le più importanti del governo: abbiamo in questi anni mobilitato risorse ingenti". Per Catania "ci sono progetti per l'immediato e per il futuro. Alcuni miglioreranno le condizioni di vita di quartieri e zone di Catania, altri ne cambieranno il volto. Sono tutti progetti che richiedono una cura continua, perché sappiamo bene che per trasformare il nostro Paese serve certamente stanziare le risorse, avere a disposizione quattrini, ma serve avere una determinazione continua perché i progetti mantengano tempi e promesse, le risorse vengano impiegate correttamente e i cittadini vedano i risultati", sottolinea. "A meno di due anni dalla firma con Renzi del patto per Catania, possiamo registrare l'andamento positivo di questo impegno, che ha a che fare con l'idea di una manutenzione straordinaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento