rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Sospesa la patente perchè gay, la Cassazione dispone un maxi-risarcimento

Danilo Giuffrida, 32 anni, ragazzo catanese a cui era stata sospesa la patente nel 2001 dopo che si era dichiarato gay alla visita di leva, è rimasto vittima, secondo la Cassazione, di "un vero e proprio comportamento omofobico". In arrivo per lui un cospicuo risarcimento

Riceverà un cospicuo risarcimento dopo la sentenza della Cassazione. Danilo Giuffrida, 32 anni, ragazzo catanese a cui era stata sospesa la patente nel 2001 dopo che si era dichiarato gay alla visita di leva, è rimasto vittima, secondo la Cassazione, di “un vero e proprio comportamento omofobico” oltre che “intollerabilmente reiterato” da parte della pubblica amministrazione.

All'epoca dei fatti, Giuffrida aveva dichiarato ai medici di Augusta di essere omosessuale durante la visita di leva. L'ospedale militare avrebbe poi informato la Motorizzazione civile, dicendo che il giovane non era in possesso dei "requisiti psicofisici richiesti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospesa la patente perchè gay, la Cassazione dispone un maxi-risarcimento

CataniaToday è in caricamento