Ecco come la pineta di Nicolosi e i Benedettini si "vestono" di moda

Un occhio indiscreto nel backstage di due shooting di moda in due location d'eccezione. Abbiamo chiesto a Valentino Fiammetta e Andrea Franco, stylist, di spiegarci il progetto, il backstage e cosa c'è dietro "Migration duck" e "Ophelia's dream"

Un occhio indiscreto nel backstage di due shooting di moda in due location d'eccezione. La pineta di Nicolosi e il Monastero dei Benedettini. Abbiamo chiesto a Valentino Fiammetta e Andrea Franco, stylist, di spiegarci il progetto.

"Per 'Migration duck' cercavamo un bosco che desse l'illusione di una foresta nordica. Abbiamo così pensato alla pineta di Nicolosi, alle pendici dell'Etna. Abbiamo incontrato qualche difficoltà nell' individuare la location perfetta per 'Ophelia's dream': dovevamo trovare degli interni di palazzi barocchi, giardini e fontane in rovina per poter bene interpretare i 'sogni' del celebre personaggio shakespeariano cui si ispira la collezione. Purtroppo navigare nel mare della burocrazia non è mai facile e, dopo diverse porte in faccia, un piccolo spiraglio si è aperto per il chiostro di levante del monastero dei Benedettini di Catania in cui abbiamo trovato e sfruttato ogni struttura arrivando persino a far levitare la nostra modella".

IL VIDEO DEL BACKSTAGE

Quali sono i mood degli shooting?
"Migration duck è una forte espressione delle caratteristiche di una specie, la corrispondenza animale col mondo umano sta nell’etnia - risponde Valentino Fiammetta - la tribalità, l’affermazione di una propria personalità ben definita, un corpo che non teme di mettersi a nudo e confrontarsi con la natura dalla quale proviene ed in cui sa muoversi agile e sinuosa in abiti di pelle e chiffon. La figura esile è resa minacciosa da linee nette e riflessi metallici di anelli, collane e septum articolati che le conferiscono il taglio primitivo e selvaggio che cattura chi guarda. Ophelia’s Dream è il sogno ovattato di una giovane donna alla ricerca di un amore che sa di non poter avere, l’introspezione della solitudine e la reinterpretazione di opere a lei legate - qui “incellophanate” come ritrovate dopo molto tempo  - pongono il soggetto sotto un diverso punto di vista precedente al celebre atto del suicidio. L’eccentricità degli orpelli, unico ornamento su abiti semplici, sottovesti e crinoline, posti come a volersi spogliare delle inutilità materiali per dedicarsi unicamente al sogno, fluente e aureo".

Ma cosa succede in una giornata di shooting, sfidando gli occhi curiosi di studenti ai Benedettini e il freddo della pineta?
"In realtà il tempo dedicato allo shooting in sé si riduce in cinque ore al massimo - risponde Andrea Franco - in entrambi i casi le ore precedenti sono occorse alla realizzazione del makeup e dell’hairstyle e al trasporto in location di ogni occorrenza come stand, teli, abiti e necessaire per permettere la buona riuscita del servizio, per ogni evenienza sartoriale o per assistere le modelle. Il fotografo ed i suoi assistenti hanno cominciato col sopralluogo a controllare luci e set: non appena la modella è uscita dal salone ha avuto inizio la corsa contro il tempo e la luce naturale e la fuga per arrivare al set dove immediatamente noi, con capi e accessori già decisi, l'abbiamo cambiata. E via agli scatti, momenti pieni di emozioni da parte di ogni elemento dello staff: il fotografo per la prima volta a cimentarsi in servizi del genere, gli assistenti svelti a trovare la migliore luce o il miglior frame, le stiliste emozionate di vedere la propria collezione, reinterpretata con nuovi accessori e abbinamenti, su modelle professioniste scelte ad hoc e, infine, noi che un po’ dall’esterno vediamo materializzato tutto quello che avevamo immaginato per mesi. Per la prima volta di fronte a prove del genere, e di certo non per l’ultima, stylist".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Credits:
styling: Andrea Franco & Valentino Fiammetta
photo: Edoardo Morina
Photo assistant: Walter Maria Russo
Backstage video: Valentina Di Mauro & Daniele Di Mauro
Postproduction: LOOSENDOGS 
Hairstyling & Makeup: Giovanni Pulvirenti & Simona Maccarrone (luxrystyle)
Dresses: Marilena Mandanici & Mara Sanzone
Models: Elisa.C & Debora.I (CASTDIVA)
Location: Pineta di Nicolosi (CT) & Monastero dei Benedettini (CT)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento