Policlinico Vittorio Emanuele: infermieri in sciopero dal primo giugno

Gli infermieri del Policlinico sono sul piede di guerra ed annunciano lo sciopero della loro categoria. Dal primo giugno i reparti di intramoenia rischieranno quindi di ritrovarsi con le corsie vuote

Siamo stanchi di essere sottovalutati e di subire l’indifferenza della direzione del Policlinico. Chiediamo di essere equamente pagati come i colleghi infermieri dell’ospedale Cannizzaro e Garibaldi di Catania”, dichiara Alfio Politi, infermiere del Policlinico di 42 anni.

Il Sindacato Cni-Fsi, Coordinamento Nazionale Infermieri, rappresentato da Calogero Coniglio, ha inviato una lettera alla direzione dell’ospedale in cui manifesta il malcontento di una intera categoria di professionisti che “da anni presta servizio volontario in attività intramoenia presso il reparto paganti, facendo fronte alle esigenze dell’azienda e a quelle dei malati impegnandosi sovente, vista la persistente carenza di personale, in logoranti ritmi lavorativi pur di garantire la continuità assistenziale”.

Gli infermieri che, infatti, danno la loro disponibilità nei reparti di intramoenia dell'azienda Ospedaliera Universitaria “Policlinico Vittorio Emanuele” sono quasi un centinaio nei tre presidi ospedalieri dell’azienda, di cui 45 solo nel P.O. Policlinico Rodolico e lamentano l’applicazione minima fissata dall'azienda che prevede 16 ore fisse.

Entro l’1 giugno 2012, pertanto, la categoria chiede l’equiparazione della retribuzione oraria così come percepita dal personale infermieristico che opera nelle strutture ospedaliere provinciali, dove viene corrisposto un gettone orario omnicomprensivo di 21 Euro lorde.

“Chiediamo 21 euro l'ora come tutte le altre aziende ospedaliere e come da contratto – precisa Calogero Coniglio – Con il nuovo regolamento, infatti, vi è una mancata differenziazione tra le ore prestate di giorno,  quelle prestate di notte, quelle festive e festive notturne. Si evince, inoltre, la scarsa valorizzazione della professione infermieristica, considerato che la differenza tra la tariffa applicata al personale infermieristico e quella applicata al personale ausiliario socio sanitario, è di soli due euro l’ora”, conclude Coniglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento