Poliziotti presi a calci e pugni da un cittadino africano

L'uomo era giunto in Italia da minore ed aveva fatto richiesta di protezione internazionale, ma a seguito del diniego gli era stato concesso il permesso di soggiorno per motivi umanitari

Il capo treno di un convoglio regionale partito da Taormina e diretto in questo capoluogo, nel corso della controlleria, si è imbattuto in un cittadino extracomunitario privo di biglietto, motivo per il quale questi è stato invitato a declinare le generalità per la prevista regolarizzazione. Lo straniero, innervosito per la richiesta, non ha ottemperato né tantomeno è sceso dal treno alla prima stazione utile.

Il capo treno, in considerazione dell’atteggiamento aggressivo del guineano, ha quindi chiesto l’intervento della Polizia Ferroviaria di Catania in quanto il convoglio era prossimo all’arrivo in quella stazione. Alla vista degli agenti in divisa che lo attendevano sul binario, il viaggiatore irregolare ha tentato di defilarsi mischiandosi tra la folla presente sul marciapiede ma è stato subito fermato ed invitato a declinare le proprie generalità. Inaspettatamente, però, ha iniziato ad inveire contro i due poliziotti anche con pesanti insulti per poi  scagliarsi improvvisamente  contro di loro sferrando calci e pugni.

Lo straniero è stato subito reso inoffensivo e condotto in questi uffici dove è stato identificato per B.O. nato in Guinea Conakry il 21.12.1999. Lo stesso era giunto in Italia da minore ed aveva fatto richiesta di protezione internazionale, ma a seguito del diniego gli era stato concesso il permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Per due degli Agenti della Polizia Ferroviaria intervenuti, si è reso necessario l’accompagnamento presso un nosocomio cittadino per le cure sanitarie del caso. Per i fatti sopradescritti B.O. è stato denunciato, in stato di libertà per i reati di violenza, resistenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale, rifiuto di declinare le generalità e lesioni personali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento