Pronto soccorso, Fnp Cisl: questionario per l'utenza su tempi di attesa e strutture

Il questionario sarà distribuito già da lunedì nelle maggiori strutture ospedaliere etnee. Le segnalazioni delle varie esperienze potranno essere fatte anche per telefono

foto archivio

Dal tempo di attesa al mezzo impiegato per arrivare, dalla sala d’attesa al presidio territoriale. Sono sette le domande, per lo più a risposta multipla, contenute nel questionario elaborato dalla Fnp Pensionati Cisl di Catania indirizzato all'utenza dei maggiori pronto soccorso etnei. Obiettivo: una indagine conoscitiva tra gli utenti dei pronto soccorso di Catania e provincia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il questionario sarà distribuito già da lunedì nelle maggiori strutture ospedaliere etnee. Le segnalazioni delle varie esperienze potranno essere fatte anche per telefono, allo 095 317255, o nella sede della Fnp Cisl di via V.zo Giuffrida 160, entro il 15 ottobre. I risultati costituiranno un dossier che sarà reso pubblico in occasione di future iniziative della Cisl sulla sanità siciliana e catanese.
 
"La recente affermazione che attese di 30 ore per un codice verde sarebbe un dato non eccessivo – dichiara Marco Lombardo, segretario generale della Fnp Cisl catanese – ci ha sorpreso negativamente. Perché ben oltre il 67% dell’utenza dei pronto soccorso è costituito da persone anziane. Per loro, attese anche molto al di sotto rappresentano un disagio insopportabile. Per questo vogliamo verificare tra l’utenza dei pronto soccorso le varie esperienze vissute, il gradimento del servizio e delle strutture, in un questionario snello e di facile comprensione".
 
"Sarà nostro compito – aggiunge – rendere pubblico e consegnare nelle mani dei vertici della sanità regionale il dossier che ne verrà fuori, nell’interesse non solo dei pensionati che rappresentiamo ma anche di tutti i cittadini. E anche per chiedere il compimento della riforma sanitaria regionale, con l’attivazione dei presidi territoriali per limitare l’afflusso negli ospedali e rendere più agevoli anche l'accesso alle visite specialistiche e strumentali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento