Rapinarono un distributore di carburanti ad Acireale lo scorso anno: arrestati

Condannati dai giudici etnei per rapina aggravata in concorso, gli acesi Luciano Leotta (4 anni di reclusione) e Sebastiano Grasso (2 anni di reclusione)

I due malviventi, la notte tra il 14 ed il 15 marzo 2017, giunti a bordo di un motociclo, armati di coltello e con il volto coperto da passamontagna, rapinarono, puntando l’arma al collo dell’addetto di turno, l’incasso del distributore di carburanti della Eni di Via Wagner ad Acireale. Grazie alla telefonata della vittima al 112, sul posto giunsero due pattuglie del nucleo operativo della compagnia dei carabinieri di Acireale che, a circa 300 metri dal distributore, intercettarono l’Honda SH sul quale viaggiavano i rapinatori.

Ne scaturì un inseguimento terminato all’angolo tra le vie Antonino Bonaccorsi e Vittorio Emanuele, luogo in cui i militari bloccarono ed ammanettarono i fuggitivi.

Condannati dai giudici etnei per rapina aggravata in concorso, gli acesi Luciano Leotta (4 anni di reclusione) e Sebastiano Grasso (2 anni di reclusione), sono stati raggiunti ieri sera nelle loro rispettive abitazioni, dov’erano detenuti agli arresti domiciliari, dai carabinieri di Acireale che hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati al carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento