Rapinavano le banche utilizzando un'autoambulanza : 22 arresti

Utilizzavano un'autoambulanza per svaligiare gli istituti di credito. In circa due anni, hanno messo a segno in tutta Italia almeno trenta rapine alle banche, con un bottino da circa 600 mila euro. Tra le mete, anche Catania

Utilizzavano un'autoambulanza per svaligiare gli istituti di credito. In circa due anni, hanno messo a segno in tutta Italia almeno trenta rapine alle banche, con un bottino da circa 600 mila euro. Tra le mete, anche Catania.

Con l'operazione "Travelling riders", questa mattina sono finite in manette 22 persone, arrestate dagli uomini della squadra mobile di Enna e del commissariato di Piazza Armerina, in collaborazione con le squadre mobili di Catania, Reggio Calabria, Roma, Ancona, Siena, Milano e Cremona. Gli arrestati sono ritenuti parte di una banda criminale composta da decine di persone, fra cui alcune donne, dedita alla commissione di rapine su tutto il territorio nazionale.

Le indagini sono partite dopo una serie di rapine ai danni di banche avvenute a Piazza Armerina tra il 2008 ed il 2009. La banda non era attiva però solo in Sicilia, ma anche in Calabria, nel Lazio nella Marche ed in Lombardia.

Gli investigatori hanno accertato che i proventi delle rapine venivano utilizzati anche per il sostegno alle famiglie di coloro che erano stati nel frattempo arrestati per qualche singola rapina.

L'operazione si è svolta a Enna, Catania, Caltagirone, Augusta, Messina, Giarre, Reggio Calabria, Roma, San Gimignano, Ascoli Piceno, Cremona e Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo rossa a Catania, scuole chiuse martedì 12 novembre

  • Ferlito, il figlio del boss "perdente" e la 'Ndrangheta: "Il porto di Catania non è buono"

  • Fungo porcino record trovato alle pendici dell'Etna: 4,3 chili

  • Estorsione al titolare di un camion dei panini: cinque arrestati

  • Meteo: in arrivo piogge e raffiche di vento su Catania

  • Bonus facciata 2020: come funziona e come ottenerlo

Torna su
CataniaToday è in caricamento