Regione, ispezioni su case di cura. Razza: "Possiamo ritenerci soddisfatti"

Razza ha rivolto un appello ai cittadini: "Continuate a farci pervenire le vostre segnalazioni e noi intensificheremo ogni controllo"

Durante la notte del 26 luglio scorso e nelle 48 ore successive, quaranta ispettori hanno effettuato delle verifiche in 11 strutture ricadenti sul territorio di 8 diverse province: complessivamente si tratta di 1326 posti letto, per un budget assegnato pari a circa 127 milioni di euro. “E' la prima volta in cui la Regione attua un controllo ‘a tappeto’ su un numero così ampio di strutture – commenta l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza – e mi fa molto piacere perché, dopo aver eseguito decine di ispezioni nelle strutture pubbliche, ho voluto raccogliere l’invito che mi è stato rivolto in molte occasioni proprio dall’associazione che raggruppa l’ospedalità privata: dove ci sono controlli c’è qualità, dove c’è qualità vuol dire che la spesa sanitaria va davvero nell’interesse dei pazienti”. Le attività ispettive, coordinate dalla Direzione Generale per le Attività Sanitarie (Dasoe), hanno avuto carattere sanitario, tecnico ed amministrativo e gli esiti sono stati sottoposti alle valutazioni dei dirigenti Servizi competenti, coordinati dalla Dirigente Generale Maria Letizia Di Liberti.

“Da un primo esame delle relazioni consegnate dagli ispettori - ha aggiunto Razza - sono emerse allo stato solo alcune irregolarità di ordine documentale, quindi nessuna di esse può comportare l’adozione di sanzioni. Anche dal punto di vista dei livelli di pulizia delle strutture controllate e di adeguata gestione delle stesse possiamo ritenerci soddisfatti”. Le case di cura esaminate sono state selezionate, fra tutte le strutture accreditate, con criteri predeterminati e fuori da ogni discrezionalità. Una curiosità: la giornata di venerdì 26 luglio è iniziata con una lunga attività formativa presso il Cefpas di Caltanissetta, dove i dirigenti delle Asp interessati sono stati formati dai responsabili della struttura assessoriale. Solo alle 19 gli ispettori hanno ricevuto la destinazione assegnata, in modo da non vanificare “l’effetto sorpresa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Buona la prima!”, ha concluso l’assessore alla Salute, che ha rimarcato come “entro la fine dell’anno saranno controllate tutte le strutture private e proseguiranno a tappeto controlli anche su quelle pubbliche". Razza ha quindi rivolto un appello ai cittadini: "Continuate a farci pervenire le vostre segnalazioni e noi intensificheremo ogni controllo. Abbiamo avviato questa prassi con una nostra direttiva dello scorso anno e intendiamo proseguire nella consapevolezza che se è forte la percezione del controllo da parte della Regione, maggiore sarà la serenità di tutti gli operatori sanitari e di tutti i loro pazienti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • “Freedom Oltre il confine” dedica parte della prossima puntata a Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento