Rifiuti e pendolarismo, D’Agata: “Chiesto tavolo tecnico con società di regolamentazione"

“Soltanto facendo squadra possiamo combattere efficacemente i cosiddetti pendolari dei rifiuti e per questo abbiamo chiesto e ottenuto dalla Società di Regolamentazione dei Rifiuti di istituire un Tavolo tecnico che consenta ai Comuni di lavorare in sinergia”

“Soltanto facendo squadra possiamo combattere efficacemente i cosiddetti pendolari dei rifiuti e per questo abbiamo chiesto e ottenuto dalla Società di Regolamentazione dei Rifiuti di istituire un Tavolo tecnico che consenta ai Comuni di lavorare in sinergia”. Lo ha detto l’assessore all’Ecologia Rosario D’Agata sottolineando come “in coincidenza con l'avvio della raccolta differenziata in alcuni Comuni confinanti, a Catania siano proliferate le microdiscariche, con un aumento dell’indifferenziata del 10% rispetto allo scorso anno”.

“Rispetto al mese di luglio del 2016 – ha spiegato il dirigente dell’Ecologia Leonardo Musumeci – a fronte di un quantitativo di quelli differenziati pressoché stabile, da abbiamo registrato un’impennata dei rifiuti indifferenziati imputare al pendolarismo: cittadini di altri Comuni che si recano a Catania e che nella nostra città buttano, abusivamente, spazzatura indifferenziata. Tutto ciò ha comportato un aumento dei rifiuti raccolti nel territorio di Catania di 1.600 tonnellate in più nell'arco di anno, mentre, e i dati forniti dalla Srr lo confermano, in alcuni dei Comuni limitrofi, dove è stata avviata da poco la differenziata, il quantitativo di rifiuti totali è diminuito. Segno che è i rifiuti sono stati portati altrove”.

“Per tutti questi motivi – ha detto D’Agata – è necessario agire al più presto e in sinergia. Per quel che ci riguarda, inoltre, stiamo per installare cento telecamere di sorveglianza, incrementare la vigilanza e avviare la raccolta sperimentale con gli ecopunti mobili, che partirà da Feudo Grande”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento