Rimborsi "col trucco", M5S: "Ci avevamo visto giusto"

"Crocetta e i capigruppo - afferma Zito - hanno l'obbligo morale di portare al più presto il disegno di legge in aula. A maggior ragione visto che le casse della Regione sono quasi vuote e che per l'attività legislativa rimangono pochi spiccioli. Il disegno di legge consentirebbe grossi risparmi ai Comuni"

In merito alla richiesta di tre rinvii a giudizio per altrettanti consiglieri della Provincia regionale etnea per il reato di truffa aggravata e falso, interviene il Movimentro 5 Stelle, che - in una nota- evidenzia come da sempre abbia sollecitato indagini in questo senso.

“E' la prova – dice il deputato Stefano Zito - che ci avevamo visto giusto. Ora si punti al cuore del fenomeno, portando immediatamente in aula il nostro ddl che punta a disinnescare le potenziali truffe”.

“Crocetta e  i capigruppo  – afferma Zito – hanno l'obbligo morale di portare al più presto il disegno di legge in aula.  A maggior ragione  visto che le casse della Regione sono quasi vuote e che per l'attività legislativa rimangono pochi spiccioli. Il disegno di legge consentirebbe grossi risparmi ai Comuni ”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il disegno di legge che Zito mira a portare subito a Sala d'Ercole prevede sostanziali  modifiche  alla legge regionale 30 del 2000, sull'ordinamento degli Enti locali. Queste le principali:  abbattimento della somma rimborsabile, che passerebbe dagli attuali due terzi della retribuzione del sindaco a un quarto,  istituzione di controlli costanti, elargizione del rimborsi solo alle ditte in regola con il durc (il certificato di regolarità contributiva) ed iscritte alla camera di commercio. Ed ancora, erogazione dei rimborsi solo a consiglieri che non abbiano ricoperto il ruolo di titolare o amministratore unico nell’azienda da cui sono stati presi in carico nei cinque anni precedenti all’assunzione o a coloro che non abbiano fatto improvvise ed immotivate progressioni in carriera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento