Sant’Agata, a Luca a Parmitano la Candelora d’oro

La massima onoreficenza catanese è stata idealmente consegnata da Enzo Bianco a Luca Parmitano, primo astronauta italiano a svolgere attività extraveicolari durante una missione spaziale, ma soprattutto ambasciatore della Sicilia nel mondo

Si è svolta, com’è tradizione, nella corte del Municipio di Catania, alla presenza di autorità civili, religiose e militari, la cerimonia per l’assegnazione della Candelora d’oro, riconoscimento giunto alla sua diciassettesima edizione. La massima onoreficenza catanese è stata idealmente consegnata da Enzo Bianco a Luca Parmitano, primo astronauta italiano a svolgere attività extraveicolari durante una missione spaziale, ma soprattutto ambasciatore della Sicilia nel mondo.

Parmitano - nato a Paternò 38 anni fa, sposato e con due figlie, maggiore dell'Aeronautica Italiana, pilota collaudatore sperimentatore e ingegnere di volo, medaglia d’argento al valore aeronautico - era in collegamento audio-video da Huston, nel Texas, e ha risposto con parole commosse alla lettura della motivazione da parte del Sindaco.

“In Astro_Luca – ha detto Bianco, citando il nome con cui è noto su Twitter - troviamo tutte le doti dei Siciliani migliori, a cominciare dal gusto di superare sempre nuove sfide e di saper guardare al futuro con ottimismo, dimostrando di saper rimanere profondamente Siciliano non soltanto in altri Paesi del mondo, ma persino nello Spazio. Le sue immagini fotografiche hanno posto all’attenzione del mondo la bellezza della Sicilia e dell’Etna”.

“Sono emozionatissimo – ha detto Parmitano, ringraziando il Sindaco e salutando i genitori e i parenti, presenti alla cerimonia – e felice di questo contatto con quella che sento da sempre come la mia città, cioè Catania. Voglio condividere questo riconoscimento con tutti i miei concittadini, con tutti i Catanesi che vivono a Catania ma soprattutto, consentitemelo, con i Catanesi che vivono all’estero. Ce ne sono moltissimi che fanno ovunque un lavoro straordinario, che ovunque vanno si fanno riconoscere per l’impegno, per la generosità, la devozione a quello che fanno. Grazie a Catania per questo riconoscimento“.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della cerimonia, resa solenne anche dalla presenza degli Sbandieratori di Motta e dei Vigili urbani e dei Commessi in alta uniforme, il Sindaco, con l’arcivescovo di Catania monsignor Salvatore Gristina, ha proceduto alla rituale accensione della lampada votiva in onore della Patrona. Subito dopo il Sindaco e le altre autorità hanno assistito alla deposizione, da parte di un Vigile del fuoco su una scala antincendio, di una corona di fiori sulla statua di Sant’Agata del prospetto della Cattedrale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento