Sciopero dipendenti del Teatro Bellini, sul tetto anche 3 consiglieri dell'opposizione

Ieri mattina i consiglieri comunali Salvo Giuffrida,Tuccio Tringale e Manlio Messina sono saliti sul tetto del Teatro Massimo per esprimere solidarietà ai lavoratori precari del teatro. "La situazione trovata è davvero incredibile, - dichiarano i tre consiglieri- tale da costringere dei padri e delle madri di famiglia a salire su un tetto in condizioni di assoluto pericolo"

Ieri mattina i consiglieri comunali Salvo Giuffrida,Tuccio Tringale e Manlio Messina sono saliti sul tetto del Teatro Massimo per esprimere solidarietà ai lavoratori precari del teatro. "La situazione trovata è davvero incredibile, - dichiarano i tre consiglieri- tale da costringere dei padri e delle madri di famiglia a salire su un tetto in condizioni di assoluto pericolo, solo per rivendicare il loro diritto al lavoro. E' ingiusto e vergognoso. Ancor più se abbandonati da una amministrazione Comunale e dal Sindaco, intenti a fare del fumo per offuscare le reali condizioni cui versa la città tutta".

"Ecco perché abbiamo deciso di salire su quel tetto -aggiungono i consiglieri' perché è indegno che nessun rappresentante politico sia andato ad ascoltarli. Noi non abbiamo la possibilità di risolvere questo problema, ma certamente attivare mi tutte le procedure a noi consentite per tutelare questi lavoratori. A cominciare da un'interrogazione urgente al sindaco e ad una richiesta di Consiglio straordinario per trattare il tema del teatro e dei suoi lavoratori. E chiederemo - concludono i rappresentati comunali- una audizione urgente alla commissione regionale competente chiedendo conto e ragione su tale vicenda."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento