Sieropositivo vince battaglia legale: reintegrato al lavoro

La vicenda giudiziaria ha inizio due anni fa. Dopo aver vinto il concorso indetto da uno degli ospedali di Catania, l'uomo è stato sottoposto a visite di controllo. Scoperta la sieropositività, non è stato assunto

Il Tribunale di Catania, sezione Lavoro, ha dato ragione a un operatore sanitario che - nonostante avesse vinto un concorso - non era stato considerato idoneo poichè affetto da Hiv. Avendo vinto il ricorso - come rendono noto gli avvocati Valentina Riolo e Michele Maria Giorgianni - l'uomo è stato reintegrato nel posto che gli toccava.

La vicenda giudiziaria ha inizio due anni fa. Dopo aver vinto il concorso indetto da uno degli ospedali di Catania, l'uomo è stato sottoposto a visite di controllo. Scoperta la sieropositività, non è stato assunto.

In base a quanto dichiarato dagli avvocati, nei confronti del loro cliente è stata messa in atto una condotta illegittima in quanto è stata male interpretata una pronuncia della Corte costituzionale del 1995 nella quale veniva detto che era posssibile chiedere questo tipo di esame.

L'operatore sanitario, reimmesso, è stato destinato a lavorare in aree non chirurgiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento