Teatro Stabile, salta assemblea dei soci: assenti Regione e Provincia

Lo comunicano le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil, e Ugl, e le relative sigle di categoria dello spettacolo e della comunicazione, ossia Slc, Fistel, Uilcom, Ugl spettacolo

L'assemblea degli enti soci del Teatro Stabile fissata per stamattina a Catania, è saltata per l'assenza della Regione Sicilia, socia all'80 per cento, della Provincia regionale e dell'Ente teatri di Sicilia. Presenti solo due dirigenti del Comune di Catania. Lo comunicano le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil, e Ugl, e le relative sigle di categoria dello spettacolo e della comunicazione, ossia Slc, Fistel, Uilcom, Ugl spettacolo.

L'assemblea sarebbe dovuta servire a scegliere e programmare le iniziative legate all' approvazione del bilancio preventivo che dovrebbe permettere lo sblocco dei dodicesimi della Regione, nonché la rateizzazione del DURC, grazie alla quale si potrebbe entrare nel merito del fondo di rotazione a disposizione dei teatri che garantisce i loro debiti. In poche parole, per accedere ai 400 mila euro ministeriali e ai 307 mila euro giacenti alla Regione e recuperare gli stipendi dei lavoratori bloccati da 5 mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dichiarano i rappresentati sindacali: "Ciò che è accaduto è difficilmente classificabile. Solo l'assemblea dei soci potrà sbloccare alcuni passaggi chiave necessari per garantire nuovamente gli stipendi ai lavoratori e dunque la normale e dignitosa ripartenza delle attività teatrali. Non presentarsi e annullare una riunione così importante in un momento storico drammatico, può volere dire solo due cose: o si è interessati a distruggere lo Stabile di Catania, oppure non si è ancora compresa l'entità di ciò che accade sulla pelle dei lavoratori e della città. In qualunque caso, ci troviamo di fronte ad una irresponsabilità persino impossibile da commentare. Ciò avviene a pochi giorni di distanza dalla diffusione pubblica dei numeri del debito, e della consegna dei documenti ufficiali in Prefettura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento