Tenta di violentare la ex e minaccia di divulgare il video online, arrestato

Odissea del terrore per una donna di 32 anni di Mascalucia che è stata minacciata con un coltello dall'ex compagno che ubriaco ha tentato di violentarla e l'ha selvaggiamente picchiata

E' stata una vera e propria odissea del terrore quella vissuta da una donna di 32 anni lo scorso giovedì. Aveva da poco troncato una relazione con l'ex compagno di 33 anni che ha rischiato di ucciderla e ha tentato di abusare sessualmente di lei minacciando di pubblicare il video in rete.

La donna si è presentata ai carabinieri di Mascalucia e ha raccontato la sua storia fatta di minacce e botte. I militari dell'arma hanno ricostruito la nott di terrore subita dalla ragazza e l'hanno riaccompagnata a casa, trovando nell'appartamento il grosso coltellaccio con il quale l'uomo l'aveva minacciata.

La donna visitata in ospedale ha riportato diversi traumi in alcune parti del corpo. La furia dell'uomo più volte, in passato, si era abbattuta su di lei e per questa ragione la sua compagna aveva deciso di interrompere ogni rapporto, anche perché le scene di violenza avvenivano anche in presenza delle figlie di 3 e 5 anni.

Ma la scorsa sera, convinta di poter trovare un dialogo con quell'uomo, ha deciso di farlo rientrare a casa per discutere e per sottolineare che la sua decisione era irremovibile e che provava dei sentimenti per un altro uomo. Da qui la folle reazione, dovuta anche ai fumi dell'alcool, del 33enne che ha iniziato a denudare la donna e a colpirla con schiaffi e calci nonché gridandole che l’avrebbe “rovinata”. L’uomo infatti, in preda all’ira, voleva filmare con il telefonino la violenza per poi divulgare il filmato su internet.

Nel corso della colluttazione l’uomo ha colpito la donna con una forchetta sulla pancia, quindi l'ha minacciata con il coltello, effettivamente poi rinvenuto, paventando gesti inconsulti: "Questa sera o ti ammazzo o mi ammazzo!".


Per fortuna la donna, in un attimo di cedimento dell’ex, è riuscita a fuggire dall’appartamento salendo in auto nonostante fosse inseguita da quest’ultimo che però, per buona sorte, non è riuscito a bloccarla. Così si è recata dai carabinieri che hanno bloccato l'uomo mentre cercava rifugio nella casa di suo padre.


L’arrestato è stato portato nel carcere catanese di Piazza Lanza, così come disposto dal pubblico ministero della Procura della Repubblica etnea, nello specifico un magistrato facente parte del pool specializzato sui reati inerenti la violenza di genere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento