Vendono borse on-line, ma non le consegnano: denunciate 2 catanesi

Le due donne avevano truffato una donna della provincia di Lecce che aveva acquistato due borse nel periodo natalizio

I carabinieri di Corsano, in provincia di Lecce hanno denuncito due donne, P.A. 34enne e T.V.C. 26enne, entrambe di Catania, per il reato di truffa,grazie all’attività investigativa avviata dopo la denuncia sporta da una donna corsanese nel dicembre scorso. La donna aveva acquistato, seguendo alcune offerte trovate su Facebook, alcune borse per un valore complessivo di circa 350 euro, da regalare in occasione delle festività natalizie. Dopo il pagamento, con accredito su carta ricaricabile, ha quindi atteso  che arrivasse la merce, ma le borse non sono mai state consegnate.

I militari di Corsano, a seguito di una serie di accertamenti e riscontri, attraverso gli uffici legali del social network e del circuito bancario della carta prepagata, hanno quindi appurato che la truffa in questione, a differenza di altri casi, è stata messa in piedi addirittura da due persone, originarie di Catania: l’una aveva inserito il finto annuncio di vendita, l’altra aveva incassato la somma di denaro. Le due donne, irreperibili nei confronti della vittima, non sono però sfuggite ai carabinieri di Corsano, i quali, grazie anche alla collaborazione dei colleghi delle stazioni di Catania piazza Dante e Catania Librino, le hanno rintracciate e inchiodandole alle loro responsabilità. Indagini sono in corso per accertare eventuali altri raggiri compiuti dalla coppia in epoca recente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento