Turista francese dispersa sull'Etna, ritrovata dopo ore di ricerche

La malcapitata, scivolata su delle lastre di lava in un canalone nella Valle del Bove, nella zona compresa tra monte Zoccolaro e monte Pomiciaro, a circa 1600 metri, ha riportato escoriazioni vari su tutto il corpo ed un trauma alla caviglia destra

Le ricerche erano iniziate dalle 20 di ieri sera, quando i militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi avevano cercato di localizzare la posizione di una turista francese di 39 anni che si era smarrita sull'Etna, nella zona di Piano dell'Acqua - Val Calanna, in territorio di Zafferana Etnea. La lieta notizia è che la donna è stata ritrovata intorno alle 11.00. Solo qualche ferita in varie parti del corpo e tanta paura: questo il bilancio finale.

La malcapitata, scivolata su delle lastre di lava in un canalone nella Valle del Bove, nella zona compresa tra monte Zoccolaro e monte Pomiciaro, a circa 1600 metri, ha riportato escoriazioni vari su tutto il corpo ed un trauma alla caviglia destra. I soccorritori hanno trasportato la turista al Belvedere di monte Pomiciaro dove ad attenderli vi era una unità del 118 che dopo un primo intervento la accompagneranno al più vicino pronto soccorso. Il soccorso ha presentato diverse difficoltà anche a causa delle condizioni meteo avverse, infatti nella zona è stata quasi sempre presente una fitta nebbia che ha reso particolarmente difficoltosa l’opera dell’elicottero del 118, nel corso dei diversi tentativi, volti alla individuazione del luogo esatto della caduta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento