Vizzini, coppia di falsari "spacciava" denaro in paese

Avevano speso diverso denaro nelle attività commerciali cittadine e grazie alla segnalazione di un negoziante sono stati individuati

Giovanissimi e pieni di soldi, ma falsi. I carabinieri di Vizzini li hanno arrestati: si tratta di un napoletano di 22 anni e della convivente catanese di 18 anni, accusati di spendere monete e bancanote false.

In particolare, con elevata nonchalance, i due avevano già piazzato il denaro falso in diversi esercizi commerciali del centro urbano di Vizzini. I militari dell'arma sono stati allertati da una segnalazione di un commerciante, potenziale vittima dei due giovani falsari, che ha permesso - grazie alla descrizione della coppia - di individuarli.

La perquesizione ha fatto trovare e sequestrare 19 banconote falsificate da 50 euro ognuna, nonché 365 euro (autentici) racimolati nell’attività illecita, derivanti dalcambio o dal resto. Gli arrestati si trovano ai domiciliari e gli investigatori hanno avviato delle verifiche al fine di comprendere se altri commercianti sono stati vittime del medesimo reato.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento