Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Danni del maltempo, il M5S farà il punto con i sindaci

A un anno di distanza dai gravi danni subiti dalle alluvioni e dopo lo stanziamento da parte del Governo nazionale e regionale di appositi fondi, i parlamentari siciliani del Movimento 5 Stelle tornano a fare il punto sull’emergenza meteorologica straordinaria che investì lo scorso anno la Sicilia, oltre che per dare supporto ai rappresentanti delle località colpite

.A un anno di distanza dai gravi danni subiti dalla Sicilia e dopo lo stanziamento da parte del Governo nazionale e regionale di appositi fondi, i parlamentari siciliani del Movimento 5 Stelle tornano a fare il punto sull’emergenza meteorologica straordinaria che investì lo scorso anno la Sicilia, oltre che per dare supporto ai sindaci delle località colpite.


“Faremo un focus - spiegano i deputati Rizzo, Saitta e Cappello - sugli interventi per le popolazioni e i settori agricoli e commerciali, il ripristino delle infrastrutture e dei servizi, la prevenzione, la manutenzione nonché l'attivazione degli appositi fondi e risorse necessari per fronteggiare la gravità dei danni provocati dall’anomala ondata di maltempo. In particolare il Calatino ha subito notevoli disagi sui quali occorre un approfondimento".


"Con il “Proteggi Italia”  - proseguono - abbiamo messo in piedi il più grande piano contro il dissesto del territorio mai fatto, con ben undici miliardi di euro per interventi contro il dissesto idrogeologico nel triennio 2019-2021, oltre ai 3 miliardi di euro nel triennio per l'emergenza delle 17 regioni colpite dal maltempo nell'autunno scorso”.

L’incontro si svolgerà lunedì 4 novembre, alle ore 12:00, presso la sala convegni della sede distaccata dell’ARS a Catania, in via Etnea 71, e vedrà inoltre la partecipazione dei sindaci dei comuni colpiti dalle alluvioni, invitati per l’occasione, e l'ing. Calogero Foti, capo della protezione civile regionale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni del maltempo, il M5S farà il punto con i sindaci

CataniaToday è in caricamento