Sanità, per Ruggero Razza "serve un piano straordinario per il Sud

Per l'assessore catanese serve un piano straordinario per le regioni del Mezzogiorno

"Il vero tema da affrontare per creare sviluppo non è legato all'abolizione di un ticket che paga una parte molto ridotta della popolazione italiana, ma capire se le risorse a disposizione per le tecnologie possono essere impiegate, se quelle per le infrastrutture possono essere immediatamente spese". L'ha detto l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, durante i lavori della giornata conclusiva di 'Meridiano Sanita' Sicilia', forum organizzato da The European House Ambrosetti e Cefpas con il patrocinio di Ars e Regione Siciliana. "Occorre varare - ha aggiunto Razza - un piano straordinario che consenta alle regioni, soprattutto quelle del Mezzogiorno, di spendere tutte le risorse a loro disposizione. Chiediamo al governo nazionale, in un momento importante, come la redazione della legge di bilancio, un segnale in più. Dal governo ci attendiamo consequenzialità, fa piacere vedere che sia stato confermato l'aumento del fondo sanitario nazionale, ma è importante definire una strategia che manca".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento