Sabato, 16 Ottobre 2021
social

Riscatto della laurea 'low cost': chiarimento dell'INPS

Una circolare dell'INPS ha voluto chiarire un dubbio interpretativo che ha riguardato la possibilità di riscattare la propria laurea per andare in pensione in maniera anticipata

Novità per quanto riguarda il riscatto della laurea arrivano dalla circolare n. 6 del 22/1/2020, che ha chiarito un dubbio interpretativo riguardante il decreto legge 4/2019 che ha introdotto la possibilità di andare prima in pensione riscattando gli anni universitari sborsando un contributo annuale agevolato (per il 2020 è di € 5.206,00). 

E' possibile riscattare fino a 5 anni, pagando 5.239,74 per ciascun anno in una volta sola o tramite 120 rate mensili. Questo riscatto low cost riguardava però solo coloro che avevano iniziato a lavorare ed a versare contributi dopo il 1996. Erano esclusi gli anni precedenti, con contributi che potevano essere stati versati da studenti-lavoratori.

Adesso invece è stato chiarito che il riscatto agevolato non ha limiti di età anagrafica dei 45 anni e comprende anche gli anni precedenti al 1996. 

Requisiti per accedere al riscatto 'light'

- il richiedente deve essere iscritto ad una delle gestioni INPS con almeno un contributo versato
- i versamenti devono essere iniziati già nel periodo del corso legale di studi e sono quindi esclusi gli anni nei quali lo studente-lavoratore ha versato contributi (ossia anni già sottoposti a contribuzione)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riscatto della laurea 'low cost': chiarimento dell'INPS

CataniaToday è in caricamento