Claudio Di Mari ha scelto Noto per lo shooting fotografico della collezione “Ciatu”

La nuova collezione dello stilista catanese: abiti sartoriali, arricchiti da pizzi e merletti barocchi, si fondono con l’architettura di Palazzo Nicolaci (una delle location della campagna) e con le vie principali di Noto

Lo stilista catanese Claudio Di Mari ha scelto Noto come location per lo shooting fotografico della sua ultima collezione sposa 2018/2019 “Ciatu”.

Abiti sartoriali, arricchiti da pizzi e merletti barocchi, si fondono con l’architettura di Palazzo Nicolaci (una delle location della campagna) e con le vie principali di Noto dove il fotografo catanese Alessandro Pardo ha immortalato la modella Carmela Generali scelta da Di Mari per indossare gli abiti cuciti esclusivamente da sarte siciliane.

image1-14

Un gruppo interamente siculo dunque quello che ha scelto di innalzare e mettere in risalto la bellezza della Sicilia e di Noto in particolare. Lo stilista siciliano Claudio Di Mari ha sempre messo al primo posto il suo amore per la Sicilia e per ogni angolo della sua terra.

Le sue collezioni, non ultima “Ciatu”, è intrisa di forme, colori e profumi che ricordano la terra sicula. Non a caso il nome della collezione “Ciatu”, un termine dialettale siciliano che tradotto in italiano significa “fiato”, respiro”. Il respiro che Di Mari da alla Sicilia, facendole girare il mondo attraverso le sue collezioni sposa.

image2-7-4

Credits: Giovanni Ventura (trucco e capelli) Alessandro Pardo (fotografia)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento