Pericolo zecche: alcuni consigli per proteggersi

In concomitanza con l'arrivo della bella stagione cresce la possibilità, durante le escursioni (sia a mare che in montagna) di venire a contatto con le zecche

Con l'avvicinarsi dell'estate e l'aumento delle temperature sempre più persone sono portate a fare pic nic all'aria aperta, gite in montagna o anche in spiaggia. 

Ed in questo caso sussiste il pericolo concreto di venire a contatto con le zecche, che si nascondono praticamente ovunque, ma in particolar modo tra l'erba ed il fogliame e si attaccano facilmente al passaggio fino a trovare un punto adatto dove bucare la pelle dell'ospite senza che questo se ne accorga.

Appartenenti alla famiglia degli acari, possono vantare la presenza di circa 870 specie, 40 presenti anche in Italia. 

Il morso di una tra le specie di zecche presenti nel nostro paese può portare a contrarre le seguenti malattie:

- l’encefalite da zecca o Tbe (causata da un virus)
- la malattia di Lyme, causata dal batterio borrelia
- la rickettsiosi (trasmessa principalmente dalla zecca dei cani)
- la febbre ricorrente da zecche
- la tularemia
- la meningoencefalite da zecche
- l’ehrlichiosi.

La maggior parte di queste malattie può essere diagnosticata esclusivamente sul piano clinico, ma una pronta terapia antibiotica, nelle fasi iniziali, è generalmente risolutiva in particolar modo per le forme a eziologia batterica. Solo raramente (fino al 5% dei casi) e in soggetti anziani o bambini queste infezioni possono essere pericolose per la vita.

Zecche - Alcuni consigli per proteggersi

1. magliette e camicie a maniche lunghe (ed in generale indumenti che coprono il più possibile il corpo); evitare colori scuri ma preferire il bianco e le tinte chiare per facilitarne l'individuazione. Si consiglia inoltre di infilare il bordo dei pantaloni nelle calze.

2. utilizzo di spray repellenti, in particolar modo quelli contenenti DEET, olio di eucalipto di limone. Questi prodotti repellenti, se spruzzati per tempo, resistono sui vestiti anche per 4-6 settimane.

3. ispezione accurata della pelle (soprattutto la zona dell'inguine e sotto le ascelle, che essendo le più umide sono le preferite da questi insetti) dopo aver passato del tempo all'aria aperta e farsi subito una bella doccia una volta rientrati a casa.

 4. fare attenzione anche in città. Le zecche possono trovarsi anche nei parchi cittadini e possono attaccari anche agli animali domestici

5. guardarsi intorno durante l'escursione, per capire se l'ambiente che stiamo attraversando potrebbe essere favorevole alla presenza di zecche. Ed evitare il più possibile il contatto con erba e cespugli (seguire il sentiero già tracciato, se esiste)

Nel caso in cui, nonostante queste precauzioni, ci si trovasse di fronte ad una zecca attaccata al proprio corpo, ecco alcuni accorgimenti per risolvere al meglio la situazione.

Zecche - Alcuni consigli per rimuoverla e dopo la rimozione

- per rimuoverla non utilizzare alcool, benzina, acetone, trielina, ammoniaca, olio o grassi, né oggetti arroventati, fiammiferi o sigarette

- afferrare la zecca con pinzetta punte sottili il più vicino possibile alla superficie della pelle, rimuovendola tirando delicatamente e con una leggera rotazione. Esistono in commercio degli estrattori specifici

- non bisogna in alcun modo schiacciare la zecca, perchè ci potrebbe essere il rischio di rigurgito che aumenta la possibilità di trasmissione di agenti patogeni

- disinfettare la cute prima e dopo la rimozione della zecca

- non toccare la zecca a mani nude, ma lavare e proteggere accuratamente le mani durante la rimozione

- distruggere la zecca una volta rimossa, preferibilmente bruciandola

- ricordarsi della data di rimozione della zecca e prestare attenzione all'eventuale comparsa di segni di infezione nei successivi 30-40 giorni

- effettuare la profilassi antitetanica

- rivolgersi immediatamente al medico di famiglia nel momento in cui dovessero manifestarsi alcuni sintomi (febbre, mal di testa, debolezza, dolori alle articolazioni) o la pelle possa assumere un colore rossastro

Alcuni indirizzi utili

Istituto superiore della Sanità - Consigli in caso di contatto con le zecche

Amazon - Prodotti per combattere le zecche

Potrebbe interessarti

  • Sindrome del colon irritabile: i cibi da evitare

  • Ondate di caldo, i consigli del Medico di famiglia: "Aria condizionata con moderazione”

  • Ritenzione idrica: rimedi omeopatici

  • Depressione senile: sintomi e rimedi comportamentali

I più letti della settimana

  • Ritrovato lo studente Peppe Cannata, si trovava a Modica

  • Si cerca Peppe Cannata, studente di Giurisprudenza: l'appello degli amici

  • Sezione "catturandi", eseguiti 9 ordini di carcerazione

  • Parrucchieri abusivi percepivano reddito di cittadinanza: indagati due coniugi

  • Furti d'auto, utilizzavano furgone con braccio idraulico: 4 arresti

  • Torna il maltempo, allerta meteo 'gialla' su Catania: allagamenti a Riposto

Torna su
CataniaToday è in caricamento