Acireale, sei mesi di sospensione al medico indagato per la morte di Gulisano

Secondo il racconto di quei giorni, Antonino Gulisano arrivato in ospedale tramite l'ambulanza del primo soccorso, venne fatto sdraiare su una barella e solo tre ore dopo il medico avrebbe disposto l'elettrocardiogramma, quando oramai, purtroppo era troppo tardi

Dopo quel maledetto 18 maggio, in cui Antonino Gulisano perse la vita all'ospedale di Acireale per un infarto non gestito secondo le procedure, ieri è stata sospesa dal servizio e dallo stipendio la dottoressa che quel pomeriggio prestò le prime cure, dopo 180 minuti di attesa. Il medico risulta essere indagato insieme ad un collega.

La commissione disciplinare dell'Azienda Sanitaria Provinciale 3 di Catania non è entrata però nel merito delle attività mediche svolte dal dottore, ma sulle modalità di gestione del reparto di pronto soccorso.

Quel giorno, infatti, sarebbe stata lei l'addetta alla gestione del reparto perché il primario era assente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento