Acitrezza: un progetto di videosorveglianza da grande fratello

L'Area Marina Protetta "Isole Ciclopi" di Acitrezza sarà presto dotata di un sistema di videosorveglianza utile ad elevare la sicurezza in tutto il sito rivierasco, previste telecamere termiche

Nell’ambito del PON Sicurezza-Programma Operativo Nazionale FERS Sicurezza per lo Sviluppo-Obiettivo Convergenza 207-2013, il Ministero dell’Ambiente ha, infatti, ottenuto il finanziamento di un progetto per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza nelle 14 Aree Marine Protette ubicate nelle Regioni con obiettivo 1 del Sud Italia.

Il progetto persegue l’obiettivo di realizzare sistemi di informazione territoriale attraverso una rete di videosorveglianza. Nel caso dell’AMP “Isole Ciclopi” le telecamere saranno installate lungo la costa con stazioni di controllo nella sede della stessa Area Marina Protetta (in via Provinciale ad Acitrezza) e con il collegamento satellitare con il Ministero dell’Ambiente ed il network nazionale adibito alla raccolta dati.

Nello specifico, una telecamera (termica) sarà installata sull’Isola Lachea ed un’altra sul Maniero Normanno di Aci Castello. Inoltre, l’AMP “Isole Ciclopi” ha chiesto l’installazione di altre due telecamere a Villa Fortuna e dentro il Porto di Acitrezza in modo da coprire in maniera più capillare l’area di pertinenza. Tale richiesta è attualmente al vaglio del Ministero e sembra assai probabile che possa essere accolta. Le immagini registrate dalle telecamere saranno archiviate per il tempo necessario utile per eventuali indagini.
E’ un’opportunità che serve a creare maggiore controllo e tutela dell’AMP – ha sottolineato il Sindaco di Aci Castello, on. Filippo Drago - attraverso cui finalmente riusciremo a far rispettare le regole”.

Inoltre, nel corso di una riunione tenutasi stamattina in Municipio alla quale hanno preso parte il primo cittadino rivierasco, Drago; l’ing. Francesco Corsaro del Demanio Marittimo; il Comandante di Locamare Acitrezza, Fabrizio Tanzarella; il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Aci Castello, Luogotenente Gianfranco Cava; il Comandante della Polizia Municipale, Dott. Francesco D’Arrigo ed il Direttore dell’Area Marina Protetta “Isole Ciclopi”, Dott. Emanuele Mollica  è stata esposta l’azione svolta dalla Capitaneria di Porto di concerto con l’AMP e l’Amministrazione Comunale castellese in riferimento allo smontaggio dei lidi.

Sono state prese in esame tutte le attività balneari per le quali non è previsto lo smontaggio ma che devono garantire la salvaguardia dell’ambiente. A tal proposito, una nota è stata inviata dal Lido dei Ciclopi con la quale si comunica che hanno già avuto inizio i lavori di manutenzione straordinaria con la sostituzione delle parti maggiormente ammalorate mentre altre parti che compongono la struttura del lido posto all’ingresso di Acitrezza saranno trattate con prodotti antiossidanti a norma.

Nel corso della riunione di stamattina si è anche discusso  delle opportunità di stipulare un regolamento mirato all’adozione di nuovi criteri e dispositivi finalizzati all’ottenimento delle concessioni demaniali nonché della necessità di programmare ulteriori sopralluoghi  utili a verificare tutte le concessioni annuali presenti sul territorio castellese.
.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento