Almaviva Misterbianco, cancellato il portierato e scatta l'allarme sicurezza

"Da qualche settimana - scrive il segretario della Slc Cgil, Davide Foti- l'azienda in maniera unilaterale e senza preventivo incontro con i rappresentanti sindacali aziendali, ha soppresso la portineria mettendo a rischio l'incolumità fisica di tutti i lavoratori"

foto archivio

I lavoratori del Call center "Almaviva" di Contrada Cardillo a Misterbianco, a partire dalle 17,30 organizzeranno un sit in di protesta contro la decisione dell'azienda di azzerare il servizio di portineria. Una decisione risalente a circa due settimane fa che ha già prodotto i primi risultati: persone estranee all'azienda si sono introdotte in azienda ed alcuni mezzi sono stati danneggiati.I lavoratori proveranno inoltre ad effettuare un servizio di "Ronda amica". Lo comunica la SLC Cgil di Catania che, oltre ad avere proclamato lo stato di agitazione, in una nota ha già segnalato la vicenda ai carabinieri di Misterbianco.

"Da qualche settimana - scrive il segretario della Slc Cgil, Davide Foti- l'azienda in maniera unilaterale e senza preventivo incontro con i rappresentanti sindacali aziendali, ha soppresso la portineria mettendo a rischio l'incolumità fisica di tutti i lavoratori. Giornalmente e specialmente nelle ore serali e notturne abbiamo rilevato intrusioni di personaggi alquanto discutibili, che senza alcun controllo si sono introdotte nel posto di lavoro. La zona, come ben sapete, è alla periferia del paese e lontano da abitazioni. Vi chiediamo pertanto di provvedere a controlli più frequenti ed incisivi oltre a comunicare che la presente segnalazione è di fatto una presa di responsabilità per l'azienda per eventuali danni a persone o cose".

Si legge nel volantino di protesta firmato da Rsu, Rls e segreterie provinciale della Slc Cgil. "Da un mese chiediamo un cambio di rotta sull’argomento, ricevendo solo risposte parziali ed interlocutorie che sanno ormai di beffa. La mancanza di personale in portineria, la non adeguata illuminazione, porte non funzionanti, cancelli esterni aperti anche per tutta la notte, la mancanza di vigilanza serale e notturna sono incompatibili con la sicurezza dei lavoratori di un centro alla periferie di una zona commerciale lontana dai centri abitati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento