Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Era ai domiciliari ma una telefonata gli spalanca le porte del carcere

L'uomo ha violato le disposizioni imposte e quindi i carabinieri lo hanno condotto nella struttura detentiva di piazza Lanza

I carabinieri della stazione di Motta Sant’Anastasia hanno arrestato il 52enne Francesco Rugeri. L’uomo, già colpito da un’ordinanza cautelare emessa per una sfilza di reati (associazione per delinquere aggravata, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita in concorso, frode nell’esercizio del commercio in concorso e trasferimento fraudolento di valori in concorso) si trovava agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Rugeri però non ha rispettato gli obblighi prescrittigli, avendo ospitato all’interno dell’abitazione anche persone non conviventi, nonché per aver spesso utilizzato il cellulare
della compagna per l’effettuazione di telefonate. Tali violazioni hanno portato all’aggravamento della misura e così per lui si sono spalancate le porte del carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era ai domiciliari ma una telefonata gli spalanca le porte del carcere

CataniaToday è in caricamento