Esce dal carcere e trova lavoro come "vedetta" prima di finire di nuovo agli arresti

Durante le operazioni di polizia, che hanno portato a due arresti, sono stati fermati anche diversi clienti

Nella giornata di ieri gli agenti del Commissariato Librino hanno arrestato in flagranza i pluripregiudicati Salvatore Cristaudodi di 31 anni ed il coetaneo Massimiliano Scaliadi, per il reato di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti. Scalia, uscito da pochi giorni dal carcere e sottoposto alla misura restrittiva giornaliera dell'obbligo di firma, aveva trovato  “lavoro” come vedetta che accoglieva e indirizzava i clienti verso l’edificio in cui si trovava Cristaudo, con le dosi già pronte per essere consegnate previo pagamento del denaro. I poliziotti hanno sequestrato 13 involucri contenenti marijuana, 16 di crack, 6 cocaina e denaro contante. Durante le operazioni di polizia sono stati fermati anche diversi clienti, alcuni dei quali hanno richiesto la sostanza stupefacente dinanzi ai poliziotti in borghese mentre stavano ancora operando. Ai clienti oltre alla contestazione della detenzione della sostanza stupefacente è stata ritirata la patente di guida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento