Morti sospette nelle ambulanze per favorire agenzie funebri: un arresto

L'indagine è la naturale prosecuzione della serrata attività intrapresa dalla Procura e dai carabinieri di Paternò nel territorio di Biancavilla ad un anno esatto dalle operazioni “Onda d’Urto e “Reset”

I carabinieri di Paternò, dopo articolate indagini, hanno eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dall’ufficio del Gip del Tribunale etneo su richiesta della  Procura della Repubblica, nei confronti di una persona per omicidio volontario ai danni di tre persone anziane e malate, crimini commessi con l’aggravante di aver agevolato le attività illecite sia dell’associazione di tipo mafioso operante in Biancavilla e storicamente denominato clan “Mazzaglia-Toscano- Tomasello," sia dell’associazione di tipo mafioso operante in Adrano denominato clan “Santangelo”.

L’indagine convenzionalmente denominata “Ambulanza della Morte”, è la naturale prosecuzione della serrata attività intrapresa dalla Procura Distrettuale della Repubblica etnea e dai carabinieri di Paternò nel territorio del comune di Biancavilla ad un anno esatto dalle operazioni “Onda d’Urto e “Reset” che ha scardinato la locale compagine mafiosa, legata alla famiglia di cosa nostra catanese Santapaola - Ercolano.

I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso della mattinata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento