Guardia costiera sequestra 250 chili di pesce in pescheria

Sequestrati nove tonni alalunga, un pesce spada, una cassa di merluzzi ed una di triglie

Nell'ambito di controlli sulla filiera della pesca una squadra di nove militari della Guardia Costiera di Catania ha rinvenuto nello storico mercato della Pescheria oltre 250 Kg di pescato privo di tracciabilità. Il prodotto ittico sequestrato a carico di ignoti - nove tonni alalunga, un pesce spada, una cassa di merluzzi ed una di triglie - è stato trovato, ben conservato con ghiaccio, sopra un banco vendita non autorizzato e senza alcun soggetto che ne reclamasse la proprietà. Il pescato è stato controllato da medici veterinari dell'Asp 3 che ne ha dichiarato la commestibilità ed è stato devoluto in beneficenza alla Caritas della parrocchia del Santissimo Crocifisso di Santa Maria di Licodia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Il Gruppo Arena lancia l’ultimo modello di Superstore

  • Blitz antidroga a San Cristoforo, sequestrati cocaina e 7 mila euro in contanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento