Caltagirone, museo della ceramica: apre una sezione di archeologia preistorica

Le lunghe procedure per l'avvio dei lavori sono ormai in dirittura d'arrivo: il progetto sarà validato a breve ed entro il 2018

L'assessore regionale ai Beni culturali, Sebastiano Tusa, ha inaugurato a Caltagirone - insieme al sindaco Gino Ioppolo e a Maria Costanza Lentini, direttore del Polo museale di Catania - la sezione di archeologia preistorica del Museo regionale della ceramica, che apre i battenti a piano terra e in parte del primo piano dell'ex convento di Sant'Agostino. L'edificio è stato interessato da consistenti interventi di ristrutturazione ed è già nelle condizioni di ospitare alcune delle collezioni preistoriche.

"Un luogo di cultura chiuso alla pubblica fruizione è un luogo che muore - dice Tusa - e quindi l'inaugurazione consente a questa pregevole struttura di essere vissuta dai cittadini e dai tanti turisti stranieri presenti. La sinergia tra il comune di Caltagirone e la Regione Siciliana ha fatto sì che in tempi brevissimi si completasse il primo passo verso l'apertura totale".

Le lunghe procedure per l'avvio dei lavori sono ormai in dirittura d'arrivo: il progetto sarà validato a breve ed entro il 2018 potrà essere individuata l'impresa aggiudicataria dei lavori che dureranno 36 mesi e comporteranno l'utilizzo di 8,6 milioni di euro. Entro settembre verrà inaugurata l'intera sede del Museo alla presenza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e dell'assessore Tusa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento