Caritas, offre una cena ai poveri per ricordare il marito defunto

Una donna catanese ha scelto un modo speciale per ricordare il compagno di una vita, aiutando gli ultimi della città

Un modo speciale per ricordare un caro scomparso nel segno della condivisione con gli ultimi della città. Venerdì scorso, una signora catanese ha offerto in suffragio del marito defunto la cena ai poveri della mensa dell'Help Center di Catania. Prima del servizio, i volontari, guidati dal direttore don Piero Galvano, hanno pregato e osservato un momento di raccoglimento.

La mensa dell'organismo diocesano, grazie all'impegno dei numerosi volontari, permette di preparare e servire pasti caldi dal lunedì al sabato (colazione alle ore 9:30 e cena alle 18:30) e anche per la domenica e i festivi (pranzo alle ore 13:00, in seguito alla S. Messa celebrata da don Piero Galvano). Inoltre, la mensa dell'Help Center fornisce quotidianamente tra 70 e 80 pasti per l'unità di strada, il servizio di ronda serale che assiste i senzatetto della città.

Nel corso 2017, secondo i dati dell'Help Center della Caritas Diocesana, ci sono stati 134 mila utenti che hanno usufruito della mensa, 49.430 del servizio colazione e distribuzione abbigliamento, 36.750 del servizio Unità di strada (distribuzione pasti, coperte e tutto il necessario con relativo ascolto).

Per scoprire come contribuire alla Opere segno della Caritas Diocesana, è sufficiente collegarsi all'indirizzo caritascatania.it/aiutalacaritas oppure chiamare lo 095.2161224.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento