rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Caso Scirè, imputazione coatta per il coordinatore dell’avvocatura dell'Università

Lo ha deciso il Gip di Catania, Marina Rizza, che ha rigettato la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura e disposto che il Pm chieda per Reina l'imputazione coatta

Imputazione coatta per abuso d'ufficio per il coordinatore dell'avvocatura dell'università di Catania, Vincenzo Reina, in relazione alla vicenda del ricercatore universitario di Storia contemporanea di Vittoria, Giambattista Scirè, che da anni persegue la sua battaglia per avere un contratto nonostante sentenze amministrative e penali a suo favore. Lo ha deciso il Gip di Catania, Marina Rizza, che ha rigettato la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura e disposto che il Pm chieda per Reina l'imputazione coatta.

"Il mio assistito va a processo soltanto per un parere legale espresso nel 2018 su un provvedimento del 2011 - commenta all'Ansa il difensore, l'avvocato Tommaso Tamburino - che si ritiene viziato da incompetenza, ma siamo sereni e fiduciosi di potere chiarire, nel dibattimento davanti al Tribunale, la legittimità dell'operato di Reina".

Secondo il Gip è "evidente l'intenzionalità, che ha permeato 'ab initio' l'intera sequenza di comportamenti conclusasi con il "provvedimento" del Reina, di arrecare allo Scirè il danno ingiusto consistito nella pretermissione dello stesso dalla procedura finalizzata alla proroga del contratto triennale di ricerca". Per il Giudice il "'provvedimento', la cui veste formale è stata astutamente preordinata proprio al fine di vanificare ulteriori iniziative giudiziarie da parte dello Scirè pregiudicandone l'esito (aspettativa che aveva trovato puntuale realizzazione nel provvedimento cautelare del Tar), si colloca strumentalmente nel filone ostruzionistico percorso dall'Ateneo in danno di quest'ultimo, condotto a compimento proprio con la redazione della 'nota' da parte del Reina, recante - osserva il Gip Rizza - sotto il profilo sostanziale il definitivo rigetto dell'istanza di proroga avanzata dallo Scire' medesimo ma formalmente non impugnabile proprio per l'apparenza di 'parere' artatamente precostituita".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Scirè, imputazione coatta per il coordinatore dell’avvocatura dell'Università

CataniaToday è in caricamento