Catania Bene Comune, in consiglio comunale contro il piano di rientro e la svendita dei beni

Associazioni e singoli aderenti al coordinamento “Catania non si vende” saranno in consiglio comunale per illustrare le motivazioni della protesta contro il Piano di Rientro

Oggi associazioni e singoli aderenti al coordinamento “Catania non si vende” saranno in consiglio comunale a partire dalle ore 19 per illustrare le motivazioni della protesta contro il Piano di Rientro, per ribadire il contenuto dell'appello ai consiglieri comunali e per seguire il dibattito del Consiglio. Ad annunciarlo è Catania Bene Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In tale occasione consegneremo ad ogni consigliere comunale l'appello di Catania non si vende e sottoscritto da tanti cittadini e associazioni per chiedere di votare contro la proposta di Piano di Rientro. Ad oggi hanno aderito, oltre ai promotori del coordinamento, il Comitato Antico Corso, Città Felice, Azione Civile, Sunia Catania, I Siciliani, Gapa, Forum Beni Comuni economia solidale di Catania, ADAS Onlus, Comitato No Pua, Costituente Sinistra Italiana e tantissimi singoli. Diremo chiaramente ai Consiglieri Comunali che questo Piano di Rientro non è emendabile e anche sulla svendita dei beni chiederemo ai Consiglieri di cancellare integralmente la misura di vendita dei beni pubblici, perché vendere parte del patrimonio della città non può essere la soluzione al raggiungimento dell'equilibrio economico. Sia da un punto di vista etico che da un punto di vista finanziario. Non si tratta oggi di salvare questo o quel palazzo ma di rigettare l'idea che si possano svendere beni per 47 milioni di euro. Non si tratta di dare il giusto prezzo alla rete del gas ma di rigettare la proposta che un patrimonio pagato profumatamente con soldi pubblici possa essere, senza alcun motivo e a danno della collettività, privatizzato. Saremo presenti al Consiglio Comunale per tutti i giorni di discussione del Piano di Rientro, aderendo all'appello de I Siciliani di una grande mobilitazione contro questa amministrazione, che fa e vuole il male della città", conclude la nota di Catania Bene Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento