Scordia, una tonnellata di marijuana all'interno di un casolare

I finanzieri hanno fatto irruzione sequestrando complessivamente 934 chilogrammi. La droga proveniva dalla Grecia, e avrebbe permesso all'organizzazione di conseguire guadagni per circa 5 milioni di euro

I finanzieri del GICO del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania, hanno arrestato due cittadini albanesi e due cittadini italiani, con l’accusa di traffico e detenzione di sostanze stupefacenti e sequestrato complessivamente 934 chilogrammi di marijuana, all’interno di un casolare nelle campagne di Scordia.

L’irruzione all’interno della proprietà privata ha consentito di identificare il custode della droga, S.G. di anni 42 anni. Si ritiene che la droga provenga dalla Grecia in quanto il nastro adesivo utilizzato per confezionare i sacchi riportava delle scritte in lingua greca.

La vendita dell’ingente quantitativo di marijuana avrebbe permesso all’organizzazione di conseguire guadagni per circa 5 milioni di euro.

L’operazione è scattata al termine di un' attività di indagine e a seguito dell’arresto di G.M. di anni 50, e di due cittadini albanesi, H.E. di 26 anni e B.G. di 35 anni, trovati in possesso di 34 chilogrammi di marijuana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento