Chiuso bar per 7 giorni, era frequentato da pregiudicati

I carabinieri hanno apposto i sigilli ad un noto bar del lungomare di Fondachello di Mascali

Ieri mattina, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Giarre hanno apposto i sigilli ad un noto bar del lungomare di Fondachello di Mascali, notificando un provvedimento emesso dal Questore di Catania che ordina la sospensione delle autorizzazioni per la gestione dell’attività per 7 giorni.

Tale provvedimento, così come quello eseguito nell’ottobre del 2018 in un altro esercizio di Riposto, si inserisce nella medesima ottica di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica sul litorale jonico-etneo. Il decreto trae origine dai numerosi controlli all’interno e nei pressi del bar di soggetti pregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio o inerenti armi e stupefacenti. Inoltre, l’esercizio commerciale, nell’estate 2019, fu teatro di una rissa in cui venne addirittura danneggiato il locale e utilizzato anche un bastone, sedata poi dai militari della Stazione di Mascali che arrestarono i protagonisti dopo le doverose cure mediche.

La situazione complessiva ha configurato il locale in questione come “occasione necessaria per un’aggregazione adatta al successivo sviluppo della contesa e, quindi, fattore di pericolo per l’ordine pubblico”, così come recita il Consiglio di Stato in una sentenza a riguardo. I carabinieri, dopo aver notificato il provvedimento al titolare, hanno messo un avviso sulla porta del bar, sospendendo ogni operazione di gestione dell’esercizio pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento