Controlli nei locali a Trecastagni, sequestrate due verande abusive

I gestori di due esercizi commerciali avevano esteso con delle strutture in ferro e vetri l’area destinata all'accoglienza dei clienti

I carabinieri di Trecastagni hanno proceduto al sequestro penale ed alla denuncia di due uomini di 41 e 46 anni, rispettivamente gestori di un ristorante di piazza Sant’Alfio e di una nota pasticceria-gastronomia ubicata in via Verdi. In particolare, hanno constatato che i gestori dei due esercizi commerciali, in barba a qualsiasi autorizzazione amministrativa, avevano esteso con delle strutture in ferro e vetri l’area destinata all'accoglienza dei clienti. L’estensione della struttura inoltre, in uno dei casi, gravava anche sul marciapiede adiacente ed addirittura su parte della sede stradale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale in via Passo Gravina, a perdere la vita uno scooterista

  • Sidra, il 3 agosto sospesa erogazione idrica: ecco la zona di Catania interessata

  • Coronavirus, nuovi casi nella provincia etnea

  • Coronavirus, invitato a nozze positivo e 90 in quarantena: donna ricoverata a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 39 nuovi casi: a Catania sono 6 in più

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento