Controlli al viale Mario Rapisardi, irregolarità nei bar Torrisi e Mozart

Al bar Torrisi sono state accertate condizioni igienico sanitarie non in regola con le norme vigenti, mentre al Mozart si vendevano cannoli con ricotta surgelata senza l'indicazione specifica

Ancora controlli nel locali catanesi da parte della polizia di Stato. Durante una ispezione presso il bar Torrisi del viale Mario Rapisardi sono emerse numerose irregolarità e sono state accertate condizioni igienico sanitarie non in regola con le norme vigenti, carenze strutturali degli impianti frigoriferi ed incrostazioni nella friggitrice. Contestato inoltre il reato di frode in commercio, perchè erano posti in vendita prodotti congelati senza l’indicazione specifica.

E' stata accertata la presenza di carne cotta posta sul bancone della cucina che, a giudizio degli stessi funzionari Asp intervenuti, non possedeva più le caratteristiche di idoneità per il consumo umano perché non era stata conservata correttamente e a temperatura idonea.

Sempre al viale Mario Rapisardi è stato controllato il Bar Mozart Caffè: anche in questo caso il titolare è stato indagato in stato di libertà per il reato di frode in commercio, poiché non aveva riportato l’indicazione “prodotto surgelato” nel menù. Della ricotta congelata era utilizzata per la preparazione di cannoli senza che ne venisse specificata l’origine. I vigili urbani hanno contestato l’occupazione abusiva del suolo pubblico e l’infrazione di cui all’art. 6 della legge 193/07 poiché si preparavano anche primi, secondi piatti e contorni senza averne la specifica licenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il titolare di un chiosco adiacente, invece, è stato indagato in stato di libertà per furto di energia elettrica. In via Cave di Villarà è stata posta a controllo un’autocarrozzeria il cui titolare è stato denunciato perchè non in possesso dell’autorizzazione richiesta per l’immissione dei fumi nell’atmosfera e ciò ha comportato anche il sequestro preventivo dell’attrezzatura. Sequestrata, infine, l’autofficina "Signorino”, sprovvista dell'autorizzazione e dell' iscrizione alla camera di commercio. Sequestrata penalmente anche l’autocarrozzeria Pepe, di via Stanislao Caracciolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento